...

"La proposta di prolungare l'anno scolastico fino al 30 giugno può trovare una flebile giustificazione nei giorni persi per quarantene e sanificazioni frutto dell'ossessione per la didattica in presenza, anche in periodi poco adatti all'assembramento."