SEI IN > VIVERE PESCARA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Pineta, convenzione con la cooperativa “Il Bosso” per la gestione dei servizi e delle attività socioculturali

2' di lettura
32

La riserva della Pineta Dannunziana torna in piena attività, dopo il disastroso rogo del 2021, non più solo come polmone verde della città ma anche come luogo di rilevanza culturale a disposizione di turisti e visitatori.

E’ il senso della convenzione tra l’amministrazione comunale di Pescara e la cooperativa Il Bosso che già da lunedì I aprile 2024, giorno di Pasquetta, sarà a disposizione di quanti vorranno partecipare a visite guidate partendo dall’area antistante l’ex Aurum (orari di ritrovo fissati alle ore 10 e/o alle ore 15 – tel. 0859808009 / info@ilbosso.com).

Lo ha reso noto l’assessore al Verde e ai Parchi Gianni Santilli: “Dopo la vera e propria tragedia ambientale del primo di agosto del 2021 - ha affermato Santilli – abbiamo dovuto rimboccarci le maniche per affrontare le prime azioni di bonifica e tutela delle aree danneggiate. In me vi è però sempre stata la determinazione di far tornare la pineta dannunziana a essere luogo di visita e di attività sociali e culturali. Con la convenzione con “Il Bosso” raggiungiamo questo obiettivo, perché gli operatori della cooperativa gestiranno il front-office all’ex Aurum, le visite guidate, attività di divulgazione culturale e ludico-sportive per bambini e adulti, presentazioni di libri su tematiche ambientali e scientifiche, si occuperanno di manutenzione ordinaria della cartellonistica e dei paletti e delle corde di recinzione. Sono convinto, venendo da esperienze importanti presso le riserve del Sagittario e delle Sorgenti del Pescara, che potranno darci una grossa mano. Preciso che l’intervento che mettiamo in atto oggi coinvolge i comparti 2,3 e 4. E’ comunque solo l’inizio, perché coinvolgeremo presto le scuole per le visite dei bambini e dei ragazzi, ancor di più dal prossimo anno scolastico”.

Il responsabile de Il Bosso, Cristian Moscone, pone particolare attenzione sulle tematiche ambientali: “Mi sta a cuore - ha precisato - tutta la parte che riguarda l’educazione ambientale e il monitoraggio del patrimonio arboreo e botanico. Contiamo di curare molto i giardini dunale e retrodunale presenti nella pineta. Saremo particolarmente attivi, come sosteneva l’assessore Santilli, sulle attività di divulgazione, di didattica e di educazione ambientale, per incentivare la cultura della tutela della natura, illustrando a chi verrà a trovarci le caratteristiche della flora e della fauna presenti. Ci occuperemo anche di monitoraggio ambientale grazie al sistema di telecamere Bird Watching. Ma pensiamo, con Luca Salerni che è qui con me, di dar vita a iniziative per attività ginniche e motorie, come con il Nordic Walking. C’è molto da lavorare, ma l’entusiasmo e l’esperienza certamente non ci mancano”.

Il progetto è reso possibile da fondi regionali. Il Bosso avrà sede presso l’ex Aurum.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-03-2024 alle 18:41 sul giornale del 28 marzo 2024 - 32 letture






qrcode