SEI IN > VIVERE PESCARA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Montesilvano: presentata l'iniziativa di prevenzione e coesione sociale "Abruzzo in Salute"

4' di lettura
50

In una Sala Consiliare gremita si è svolta la presentazione dell’iniziativa, organizzata dalla Regione Abruzzo e la Asl di Pescara, “Abruzzo in Salute – La prevenzione fa tappa da te” in programma lunedì 26 e martedì 27 febbraio dalle ore 9 alle 17 al Pala Dean Martin di Montesilvano.

Alla conferenza stampa sono intervenuti l’assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì, il sindaco Ottavio De Martinis, l’assessore alla Sanità Francesco Di Pasquale, il direttore della Asl di Pescara Rossano Di Luzio, il presidente dell’Università Popolare Giuseppe Tini e il responsabile della Cisl Pensionato Abruzzo e Molise, Ezio Guidi.

“Le case della salute mobili – ha spiegato il sindaco De Martinis - si occupano di prevenzione e coesione sociale. Il progetto realizzato dalla Regione a luglio 2023, con un investimento complessivo di 5 milioni di euro in 3 anni, sta portando ambulatori mobili con servizi sanitari di prossimità direttamente nei comuni abruzzesi. Sono certo che i cittadini di Montesilvano risponderanno numerosi a questo appuntamento, in programma al Pala Dean Martin, un luogo protagonista durante la campagna vaccinale e nella somministrazione dei tamponi covid. Un ringraziamento alla Regione Abruzzo e al Dott. Di Luzio sempre vicino alla nostra città, inoltre vorrei sottolineare la sensibilità dell’Università Popolare della terza Età di Montesilvano che insieme alla Cisl ha pensato ad una fascia debole come quella dei pensionati”.

“Il tir è dotato di ambulatori oltre a strumentazioni diagnostiche - ha detto il Dott. Di Luzio - che consentiranno di effettuare visite ed esami. Tra i servizi spiccano quelli legati alla prevenzione, con gli screening per il tumore della mammella, del colon retto e della cervice uterina (compresi pap test e test per il papilloma virus). Ma nelle strutture saranno effettuate anche la mappatura dei nei, la misurazione glicemica, accertamenti cardiologici e pneumologici”.

L’assessore regionale Verì ha parlato anche delle liste di attesa: “E’ un progetto importante di cui siamo orgogliosi, siamo in pochi, infatti, ad aver utilizzato i fondi del Pnrr per questo genere di attività – ha spiegato l’assessore Verì -. In pochi mesi ha avuto una grande affluenza e grazie a questa iniziativa di prevenzione sono stati curati tanti pazienti. Con un mezzo mobile attrezzato per la diagnostica e la prevenzione finora abbiamo raggiunto numerose città abruzzesi e siamo felici di arrivare anche a Montesilvano e abbiamo snellito le liste di attesa, attivando screening mirati a prevenire le malattie. Nella programmazione della rete territoriale abbiamo previsto ospedali di comunità, come a Montesilvano, case di comunità, centri di erogazione e unità mobili. Il mezzo mobile fornirà assistenza di ‘prossimità’ a tutti i cittadini, specialmente a coloro che hanno difficoltà a raggiungere i punti di erogazione. “Il progetto è importante perché è finalizzato sia allo screening, sia alle visite specialistiche (cardiologiche, ginecologiche, dermatologiche ecc.)”.

“In pochi giorni sono già arrivate 180 prenotazioni agli screening della salute - hanno affermato il presidente dell’Università Popolare Giuseppe Tini ed Ezio Guidi, responsabile della Cisl Pensionati di Abruzzo e Molise - . L’iniziativa è utile soprattutto agli anziani che vivono con una pensione bassa e non possono permettersi visite specialistiche e a Montesilvano ci sono dati purtroppo allarmanti. Il dato più rilevante per quanto riguarda le caratteristiche della domanda sociale è che oltre il 30% degli anziani ultra 65 anni vivono soli. Con la componente femminile che raggiunge il 38%, contro il 15% degli uomini. Inoltre, le reti parentale e amicale che in passato hanno protetto numerosi anziani nelle condizioni di marginalità sociale ed economica diventano sempre più deboli specie nelle grandi città e nelle città di Montesilvano. La recente pandemia ha accentuato ulteriormente l’isolamento e il disagio di una quota importante di pensionati e la loro necessità di sostegno, in particolare il sistema di protezione sociale si conferma fortemente inadeguato in base ai dati Inps del 31 dicembre 2023. Il Comune di Montesilvano conta 13.342 pensionati di cui 9.465 e con una pensione inferiore a 1.000 euro pari al 71% ben 12 punti superiori alla media nazionale. Tra questi il 25% non raggiunge neanche 500 euro al mese”. “Come Università Popolare della Terza Età – ha concluso Tini - auspichiamo un ruolo essenziale delle istituzioni ad alleviare ogni forma di estromissione sociale, favorendo attività utili a donare senso alla vita di ogni persona. Siamo certi che questa iniziativa nei due giorni di prevenzione al Palacongressi aiuterà tanti anziani di Montesilvano”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2024 alle 17:55 sul giornale del 23 febbraio 2024 - 50 letture






qrcode