SEI IN > VIVERE PESCARA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Presentata la nuova immagine del Gonfalone della Regione Abruzzo

4' di lettura
20

“La scelta di inserire la figura del Guerriero di Capestrano, simbolo identificativo dell’intero popolo abruzzese forte e gentile, nel nuovo Gonfalone della Regione Abruzzo rappresenta al meglio il superamento di tutti i campanilismi territoriali e l’unione della popolazione".

"Esattamente ciò che ha caratterizzato il Governo Marsilio, forse il più unitario che abbia mai avuto la nostra terra. Oggi lo abbiamo consegnato ufficialmente al Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo affinchè cominci il suo viaggio istituzionale di conoscenza”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri nel corso della conferenza stampa indetta nel Museo con il direttore Patrizia Colarossi e il Presidente della giunta regionale Marco Marsilio per la consegna ufficiale del nuovo Gonfalone.

“Lo stemma che la Regione Abruzzo adottò nel 1986, oggetto della nostra modifica con la Legge regionale numero 59 del 27 dicembre scorso – ha ricordato il Presidente Sospiri - è rappresentato da uno scudo sannitico, con bordatura color oro, su cui sono applicate tre fasce trasversali di diversi colori: il bianco a rappresentare le montagne innevate; il verde a rappresentare la fascia collinare, e i parchi abruzzesi, tra cui tre parchi nazionali; l’azzurro a rappresentare il mare Adriatico. Tale composizione è stata mantenuta nel nuovo stemma previsto dalla Legge regionale numero 13 del 27 luglio 2022, che ha operato l’innesto all’interno dello scudo sannitico del ‘Guerriero di Capestrano’. Perché il Consiglio regionale ha però deciso di apportare una modifica all’immagine? Perché avevamo un simbolo sicuramente rappresentativo, ma al tempo stesso incompleto, mancante di un elemento identitario che fungesse da richiamo della storia del territorio e del popolo abruzzese, in aggiunta alla connotazione geografica e morfologica della regione Abruzzo. Nell’individuazione di quel simbolo la scelta naturale è stata quella del Guerriero di Capestrano, che è l’immagine del re Nevio Pompuledio, il più celebre guerriero piceno, le cui tracce risalgono a 2.800 anni fa, quando hanno popolato le Marche e gran parte dell’Abruzzo".

“Gli autori antichi che ci hanno tramandato il nome del popolo li hanno anche caratterizzati come forti guerrieri. Gentium vel fortissimarum italiae (delle genti più forti d’Italia) lo storico Plinio il Vecchio ha così definito le genti abitanti nei territori della nostra Regione. Il Guerriero di Capestrano, che rappresenta un celebre guerriero italico, è dunque icona simbolo delle genti abruzzesi e della loro identità. Un elemento che serve a mettere insieme fierezza, orgoglio e sensibilità di popoli che sono divenuti uno solo, partendo da una chiave comune: forza e gentilezza. E proprio il compito di un simbolo è quello di ‘unire’ e avvicinare persone, famiglie o città. Partendo da tale volontà ci siamo affidati alla maestria di un grande artista come Mimmo Paladino che ha creato una figura stilizzata perché il nostro intento è stato quello di creare una sorta di continuità tra l’antico ed il moderno, tra la storia e la realtà attuale che ci è stata rappresentata con linguaggio artistico nuovo. Non volevamo soffermarci solo sulla storia, in quanto lo stemma deve essere all’avanguardia, ed esprimere la modernità, l’evoluzione e lo sviluppo delle genti abruzzesi”.

"Oggi, idealmente – ha aggiunto il Presidente Sospiri -, consegniamo agli abruzzesi il nuovo Gonfalone, e gli chiediamo di farlo proprio. Finalmente anche l’Abruzzo ha rappresentato nel proprio emblema regionale un elemento identificativo. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla ricerca storiografica e culturale per la realizzazione del nuovo stemma, tutti gli uffici del Consiglio regionale con la dottoressa Paola Oddi che ne hanno permesso la realizzazione e la predisposizione normativa dell’aggiornamento, i miei colleghi Consiglieri che ne hanno permesso l’approvazione della legge, infine, il maestro Mimmo Paladino, artefice dell’attuale idea grafica e artista contemporaneo riconosciuto come principale esponente della Transavanguardia italiana. Grazie, infine agli abruzzesi, con l’auspicio che tutti noi siamo uniti nell’amore per la nostra terra e che rappresentiamo al meglio quelle ‘genti più forti d’Italia’, che Plinio il Vecchio descriveva e la cui citazione abbiamo voluto imprimere in calce all’immagine. Ritengo che la nostra sia stata la legislatura che ha definitivamente superato i campanilismi che ormai esistono solo nella narrazione scherzosa. Il Governatore Marsilio è stato il Presidente che ha superato tale ostacolo e ha saputo unire tutto l’Abruzzo, valorizzando le singole peculiarità, da oggi gli Abruzzesi hanno un motivo in più per sentirsi uniti in una sola grande terra”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-01-2024 alle 18:41 sul giornale del 01 febbraio 2024 - 20 letture






qrcode