SEI IN > VIVERE PESCARA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Spoltore: il centro storico valorizzato grazie alla convenzione con l'Università di Chieti-Pescara

3' di lettura
26

Il Comune di Spoltore ha sottoscritto una collaborazione con il Dipartimento di Architettura dell’Università “G.D’Annunzio” di Chieti-Pescara, all’interno della quale le attività di studio e ricerca del Dipartimento potranno integrare, con l’utilizzo di risorse qualificate e strumenti adeguati, le corrispondenti attività poste in essere dal Comune, istituendo un collegamento tra la realtà accademica e quella dell’amministrazione comunale.

Il Comune ha affidato al Dipartimento lo studio del centro storico di Spoltore e la messa a sistema delle sue emergenze storico-artistiche, con responsabili i professori Claudio Varagnoli e Clara Verazzo. Oggetto di studio da parte dell’Università sarà il nucleo centrale della città, in particolar modo intervenendo con delle proposte importanti sui torrioni, per poter così recuperare la cinta muraria, sul belvedere e sui locali comunali del centro. Saranno inoltre finanziate borse di studio e progetti di ricerca che daranno luogo ad attività culturali e convegnistiche, ponendo al centro dell’attenzione del mondo accademico il nostro borgo e fornendo al tempo stesso utili indicazioni per il processo di concertazione con gli stakeholders sul territorio.

La convenzione si inserisce in una strategia di valorizzazione del centro già da tempo avviata già da tempo dall’amministrazione, in vista della futura annessione alla città di Pescara prevista nel 2027. Spoltore diviene così un vero e proprio laboratorio per la conoscenza e conservazione dell’architettura tradizionale dell’areale pescarese, anche grazie alla realizzazione di giornate di studio, seminari e convegni. Gl incontri di studio potranno analizzare le diverse tematiche relative alla riqualificazione e valorizzazione dei sistemi ambientali e storico-culturali per l’incentivazione di forme di turismo sostenibili, ma anche a ipotesi di rifunzionalizzazione di complessi edilizi in abbandono o sottoutilizzo.

“Siamo entusiasti di questa convenzione, a cui lavoravamo da tempo” commenta il sindaco Chiara Trulli. “Ci permetterà di valorizzare attraverso degli studi accurati il nostro centro storico. L’obiettivo è di approcciare con una logica bottom-up e non top-down, ossia il più possibile condivisa con i cittadini e tutti gli attori qualificati presenti sul territorio, le scelte future che riguardano il nucleo storico città. Vogliamo organizzare convegni e incontri che possano rendere Spoltore un salotto culturale, e per farlo dobbiamo riscoprire quegli elementi identitari e valoriali più importanti, oltre alla ristrutturazione degli elementi di pregio architettonico e ai locali comunali in piazza D’Albenzio e in via Dietro le Mura. L’istituzione delle borse di studio permetterà inoltre di rendere il centro storico oggetto di ricerca e interesse da parte di studenti e docenti, trasformandolo in un laboratorio a cielo aperto degli studi accademici".

"Questa progettualità che vogliamo introdurre va anche nell’ottica di rafforzare il primato culturale di Spoltore nell’ambito dell’area metropolitana, in previsione della prossima fusione: elevare il livello culturale degli studi ci permetterà di costruire una sorta di road map, che possa permettere alla nostra città di raggiungere gli importanti obiettivi di protagonismo a cui tendiamo. Il supporto culturale dell’università, anche nell’interlocuzione con gli altri enti interessati e le associazioni qualificate, sarà di preziosissimo aiuto nell’arrivare al miglior risultato possibile per tutti gli stakeholders del territorio”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-07-2023 alle 16:52 sul giornale del 28 luglio 2023 - 26 letture






qrcode