SEI IN > VIVERE PESCARA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Presentato il progetto per la nuova scuola secondaria di primo grado “Giuseppe Mazzini”. Un modello di rigenerazione urbana

8' di lettura
60

L’amministrazione Comunale di Pescara, su un progetto curato da Proger e Vaccarini Architects, presenta un nuovo concetto di scuola pubblica: un “semplice” intervento di riqualificazione di un edificio scolastico diventa l’occasione per un progetto di rigenerazione urbana dell’isolato e per la realizzazione di un edificio sostenibile a misura di studente.

In due anni, con un investimento di oltre 6 milioni di euro (5 con un mutuo presso la Bei e un milione di fondi dell’ente) sorgerà un nuovo edificio scolastico – così come il governo cittadino in carica aveva annunciato - per la scuola secondaria di primo grado Giuseppe Mazzini di Pescara. L’intervento è stato presentato questa mattina nel corso di un incontro con i giornalisti e con la comunità scolastica dell’istituto comprensivo 3, cui hanno partecipato, in sala consiliare, il sindaco Carlo Masci, l’assessore all’Edilizia Scolastica Gianni Santilli, il presidente di Proger (società di ingegneria) Umberto Sgambati e il fondatore di Giovanni Vaccarini Architects, Giovanni Vaccarini.

<Il progetto che presentiamo oggi - ha detto il sindaco Carlo Masci aprendo i lavori - rappresenta un momento di grande crescita per la nostra comunità perché introduce una visione di scuola innovativa che non ha precedenti nella nostra città. Si tratta di un intervento che per caratteristiche costruttive delinea infatti una struttura di grande rilievo estetico e funzionale, in grado di realizzare nel contempo obiettivi di ecostenibilità e di benessere ambientale per docenti e studenti. Ma voglio sottolineare che in questo progetto il futuro plesso è destinato in particolare a divenire elemento integrante di un processo di rigenerazione urbana e non un “corpo estraneo” rispetto all’area della città interessata. Voglio quindi ringraziare la Proger e l’Architetto Giovanni Vaccarini, il nostro assessore Gianni Santilli e gli uffici tecnici comunali qui rappresentati da Giuliano Rossi>.

L’idea di fondo è quella di coniugare i temi e i luoghi dell’apprendimento con il contesto urbano della città di Pescara e gli spazi aperti per la didattica parco/giardino.

  • Realizzazione di ambienti didattici innovativi e con alte prestazioni acustiche, illuminotecniche e di benessere termoigrometrico.
  • Riduzione di consumo del suolo e riqualificazione del parco per creare spazi verdi fruibili, che arricchiscono l’abitabilità del luogo e mettono in relazione la scuola con l’ambiente naturale e con il paesaggio.
  • Permeabilità e flessibilità degli spazi, fruibilità di tutti gli ambienti anche per funzioni correlate a quelle scolastiche e di interesse della collettività, come ad esempio la palestra ed il campo sportivo.
  • La scuola come esempio di ecosostenibilità, con l’obiettivo di sensibilizzare la collettività fin dalla scuola secondaria di primo grado, ad un consumo consapevole e alla conoscenza delle energie rinnovabili (il sole, la terra e l’acqua). L’utilizzo di risorse rinnovabili ed il conseguimento di condizione di comfort indoor e outdoor possono essere visibili e comprensibili agli utenti che frequenteranno l’edificio.

<L’idea è stata proprio quella di partire da una scuola – ha sottolineato il presidente di Proger (società di ingegneria) Umberto Sgambati – quindi da una struttura di importanza pubblica applicando nuovi criteri che permettoneranno al nuovo complesso di essere cuore di un processo di rigenerazione urbana che abbracci anche il territorio interessato. Questo verrà fatto nel rispetto di quei principi ormai irrinunciabili di ecosostenibilità ambientale ed energetica. Il futuro plesso non sarà oltretutto fulcro di servizi re funzioni rivolte solo ai cittadini, ma la palestra ad esempio, e non solo, fungeranno da polo di aggregazione anche per i cittadini>.

Il vicesindaco e assessore all’Edilizia Scolastica Gianni Santilli ha dichiarato: <La futura struttura punta a essere un fiore all’occhiello per ciò che riguarda il Piano comunale dell’Edilizia scolastica che stiamo portando avanti, come amministrazione, con il mio assessorato. Trovo di straordinario rilievo il fatto che non vi sarà occupazione di suolo e che non siano previste caldaie tradizionali, ma il riscaldamento degli ambienti avverrà dal pavimento. Per l’acqua calda si utilizzeranno gli impianti di ultima generazione collocati sul tetto. Se tutto andrà come nelle nostre previsioni, il Comune come stazione appaltante affiderà le opere in autunno. Personalmente sono molto soddisfatto di tutta l’operazione e i volti sorridenti di alunni e insegnanti presenti qui oggi sono per me la più grande gratificazione>.

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

I contenuti della futura realizzazione sono stati illustrati da Giovanni Vaccarini, che ha anche risposto alle domande di allievi e docenti presenti.

Il nuovo edificio scolastico per la scuola secondaria di I° grado Giuseppe Mazzini è un intervento di rigenerazione urbana di una porzione di un isolato centrale della città, isolato definito ad est da Via Regina Elena, ad ovest da via Regina Margherita ed a nord e sud rispettivamente da Viale Muzii e Via De Amicis.

L’edificio esistente costituito da tre corpi di fabbrica principali è stato realizzato nel 1963,

per vetustà e per la necessita di garantire le prestazioni statiche ed energetiche se ne rende necessaria la sostituzione edilizia.

L’idea è quella di concentrare il corpo di fabbrica principale sul bordo sud ovest dell’area di intervento con l’intenzione di perseguire alcuni obiettivi prioritari:

1) Ridurre il consumo di suolo

2) Massimizzare la superficie libera permeabile

3) Individuare un corridoio verde di collegamento tra Via Regina Elena e Via Regina Margherita che possa diventare anche un asse di collegamento tra la scuola Lugi Illuminati esistente ed il nuovo edificio scolastico Giuseppe Mazzini

4) Aumentare la superficie verde esterna a disposizione per attività didattiche all’aria aperta.

Il nuovo edificio scolastico si sviluppa su una tipologia a corte centrale distribuita su tre livelli fuori terra con una distribuzione verticale garantita da una scala principale circolare a doppia elica ed un ascensore.

Questa tipologia insediativa consente di contenere al minimo il consumo di suolo.

Il corpo di fabbrica si compone di tre livelli fuori terra.

Al piano terra, il corpo è parzialmente svuotato, disegnando un largo portico di ingresso che costituisce l’accesso principale da via Regina Margherita.

Ai piani superiori sono sistemate le attività didattiche normali, speciali e complementari.

Il tetto giardino ospita degli spazi per orti urbani da dedicare ad attività didattiche all’aperto.

DISTRIBUZIONE DELLE AREE FUNZIONALI

Il piano terra è il piano in cui è posto l’accesso presidiato alla scuola.

Da qui si accede alla distribuzione verticale ai piani e quello diretto alla palestra e servizi dedicati.

Al piano primo, sul lato ovest (su via Regina Margherita) sono collocate in sequenza le quattro sezioni della classe prima. L’idea è di concentrare i gruppi di studenti per classi in modo che possano esserci momenti di socializzazione e di scambio didattico tra pari.

Sullo stesso piano, oltre ai servizi di piano sono collocate tre aule per attività speciali.

Al piano secondo trovano collocazione le quattro sezioni delle classi seconda e terza, rispettivamente sul lato est e sul lato ovest dell’edificio a corte.

Oltre ai servizi di piano, a supporto delle attività didattiche sul percorso interno della corte, è collocata un’aula per attività speciali con pareti mobili apribili e la biblioteca scolastica, pensata come uno spazio aperto ed accessibile a tutti gli studenti.

Al piano secondo sono collocati anche gli spazi per le attività complementari: sala professori, spazi per personale ATA e sevizi dedicati.

Al piano terzo, il terrazzo di copertura è dedicato ad attività didattiche all’aperto.

I NUMERI DEL PROGETTO

· N.° 4 sezioni

· N.° 12 classi

· N.° 316 studenti

· Palestra di 513 mq regolamentare per ospitare partite di pallavolo

· Mq 238 per attività speciali

· Mq 40 per attività musicali

· Mq 187 per attività integrative e parascolastiche all’aperto

· Il progetto occupa complessivamente un’area di intervento di 3434 mq.

· La superficie coperta del nuovo intervento è di 1260 mq.

· La superficie utile lorda è di 2546 mq.

· La superficie scoperta è di 2174 mq.
Di questa, la superficie permeabile è complessivamente di 2063 mq.

PROFILO PROGER

Proger S.p.A. è una realtà internazionale che offre il meglio dell’expertise italiano nell’ambito del management, dell’ingegneria e della sicurezza e sviluppa progetti nei settori dell’Edilizia, Infrastrutture, Oil & Gas, Green Energy, Ambiente e Sostenibilità.

Con una presenza in Europa, Asia Centrale, Africa e Medio Oriente, l’azienda vanta oltre 60 anni di esperienza ed è tra le prime società di engineering & management in Italia, oltre ad essere da anni stabilmente nel ranking mondiale delle prime società internazionali di ingegneria all’interno della Top 225 International Design Firms, stilata dalla prestigiosa testata americana Engineering News Record.

Per informazioni:

www.proger.it

comunicazione@proger.it

Francesco Monaco - M: +39.328.4111.851

PROFILO GIOVANNI VACCARINI ARCHITECTS - SINCRETICA

Sincretica srl è una società di progettazione architettonica integrata, nata come implementazione dello studio Giovanni Vaccarini Architetti, un laboratorio di ricerca e sperimentazione sul progetto.Con trenta anni di esperienza, il gruppo dal1993 ha sviluppato più di 450 progetti in 10 paesi ricevendo premi e riconoscimenti. Sincretica architecture è un aggregatore/integratore di competenze, non solo sotto il profilo professionale ma anche economico, sociale ed ambientale.Vincitore di diversi concorsi di architettura nazionali ed internazionali. Progetti e realizzazioni sono presenti nelle principali pubblicazioni di settore. È uno degli studi italiani presenti nell’ Atlante mondiale dell’Architettura del XXI secolo - PHAIDON, London.

Per informazioni:
www.sincretica.it
www.giovannivaccarini.it
Federica Fusco - federicaf@sincretica.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-06-2023 alle 17:22 sul giornale del 08 giugno 2023 - 60 letture






qrcode