Confartigianato, Cna, Confesercenti: "Sì a sanzioni per le attività non in regola a Pescara Vecchia, ma gli altri devono poter lavorare"

3' di lettura 13/03/2023 - "Dopo aver ridimensionato le attività in piazza Muzii, ora si corre il rischio di portare in sofferenza anche quelle di Pescara vecchia. E chissà cosa potrebbe succedere in estate sulla riviera".

I presidenti di Confartigianato (Giancarlo Di Blasio) Confesercenti (Marina Dolci) Cna (Cristian Odoardi) guardano con grande perplessità alla decisione del sindaco Carlo Masci di emettere un'ordinanza, sia pur temporanea, che limiti le attività anche nell'altra area della movida cittadina. Un nuovo provvedimento temporaneo, come quelli che, in passato, hanno contribuito a creare incertezza e poi il vuoto nel distretto centrale. Musica solo fino a mezzanotte, niente tavolini in strada e niente alcol all'aperto: "Questo perché le misurazioni effettuate dall'Arta hanno rilevato uno sforamento dei livelli - dicono i rappresentanti delle associazioni - Ma si tratta di rilievi effettuati nella fase clou del periodo invernale.

La maggior parte dei locali della zona ha fatto investimenti importanti per quanto riguarda l'insonorizzazione, proprio per poter lavorare secondo le regole e non essere fonte di disturbo per i pochi residenti. Ora anche quegli investimenti non sono più sufficienti. Siamo i primi a dire che chi sbaglia deve pagare: e allora sì ai controlli e alle sanzioni per chi non è in linea con la normativa, ma gli altri devono poter lavorare in pace. E questo deve valere anche per quelle attività che non rispettano le regole sulla vendita di alcolici ai minori. Non possiamo gettare via quanto di buono costruito nel corso degli anni per minimi casi di illegalità".

In quella zona ci sono, tra l'altro, molte attività di ristorazione che dalla stretta dell'amministrazione sui tavolini all'aperto avrebbero, ora che si avvicina la primavera, un rilevante danno: "Pescara ha una sua immagine legata alla qualità della proposta nel divertimento, saldamente ancorata all'ampia offerta nel settore food - proseguono i rappresentanti delle associazioni - comprimere in maniera così forte non le possibilità di sviluppo, ma le opportunità di base significa annientare un intero settore economico. Di più, significa spostare quel movimento di persone, che in particolari periodi dell'anno scelgono Pescara e zone limitrofe per le loro vacanze, verso altre destinazioni; significa allontanare tutto quel movimento di prossimità che, nei fine settimana, riempie la città per la sue qualità attrattive.

All'amministrazione chiediamo ancora una volta: fate rispettare le regole che ci sono, concordiamo insieme un percorso e soprattutto un progetto che abbia un concreto traguardo futuro. Con ordinanze temporanee ed estemporanee, lo abbiamo già visto in passato, non si andrà da nessuna parte. Manca una visione della città, le regole non vengono scritte prima, rispetto a un'idea o a una prospettiva, ma seguono e si adottano rispetto a fatti, circostanze e accadimenti, improvvisando di volta in volta. Interventi mirati e equilibrati fanno sì che si salvaguardi il divertimento sano, quello di cui ha bisogno la città, che favorisce la socialità soprattutto dei nostri giovani".


da Confartigianato Pescara Ufficio stampa





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-03-2023 alle 07:49 sul giornale del 14 marzo 2023 - 14 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dW6A





logoEV
qrcode