Discarica di Villa Carmine a Montesilvano, i consiglieri del PD e M5S: "La Regione rivaluti la possibilità di rimuovere i rifiuti"

4' di lettura 29/10/2022 - I Consiglieri del Partito Democratico, Romina Di Costanzo e Antonio Saccone e del Movimento 5 Stelle, Gabriele Straccini e Giovanni Bucci, ritornano sul tema della discarica, all'indomani della notizia da parte della Regione di mettere a disposizione all'incirca 10 milioni di euro, intercettati tra fondi nazionali ed europei, per dare una soluzione alla discarica di Villa Carmine attraverso un mega incapsulamento.

"Bene – dichiarano i Consiglieri di opposizione PD e M5S - che finalmente la Regione inizi ad affrontare possibili soluzioni atte garantire la messa in sicurezza della discarica. Sono anni che come Consiglieri Comunali di opposizione sollecitiamo i nostri Amministratori ad agire in maniera maggiormente incisiva con la Regione perché si metta fine a questo scempio ambientale. Ricordiamo che la cifra che annunciata 10 milioni, è la stessa messa a disposizione nel Masterplan Abruzzo per il SIR, che fu a suo tempo congelata. Tuttavia spiace apprendere che la soluzione prospettata, cioè l'incapsulamento non è affatto adatta alle caratteristiche del sito".

"Vale la pena precisare – aggiunge la Consigliera dem Romina Di Costanzo - che entrambi gli organi preposti all'esercizio delle attività tecnico-scientifiche connesse alle funzioni pubbliche per la protezione dell'ambiente, Arta e Ispra, chiamate ad esprimersi dall'Arap sul modello concettuale del sito e sull'analisi di rischio, hanno sostenuto che, l'unico progetto di messa in sicurezza del sito di Villa Carmine sia quello che contempla la rimozione di tutto il terreno e nel frattempo però nessuno sta programmando altre risorse e ci si limita a investire quelle a disposizione in modo improprio, date le vicinanze con il corso del fiume Saline. Nel parere emesso dall'Arta, nel luglio 2020, è esplicitamente riportato che il sito non è idoneo ad ospitare una discarica di rifiuti che peraltro non è da ritenersi adeguatamente isolata dall'ambiente esterno.

E che sarebbe pertanto opportuno, in relazione alle problematiche ambientali, alle criticità legate alla stabilità del cumulo di rifiuti e alla possibilità di inondazione ed erosione del terrazzo fluviale, interessato a più riprese da interventi antierosione, che la Regione rivaluti in modo concreto la possibilità di rimuovere i rifiuti dal sito, inviandoli agli impianti di trattamento già presenti e comunque facilmente raggiungibili tramite il vicino casello stradale atteso che i rifiuti indifferenziati non possano essere immessi in nuove discariche senza preventivo trattamento. E a valle della rimozione dei rifiuti potranno essere ulteriormente indagati i terreni sottostanti le vasche e le aree circostanti. Pertanto piuttosto che sventolare soluzioni inopportune con dispendio di soldi pubblici, si valuti invece di mettere in atto questa ipotesi, che in maniera radicale risolverebbe una volta per tutte i rischi ambientali legati al sito. La scelta tra le soluzioni progettuali, ricordiamo che ne erano state approntate tre a riguardo, non può tenere conto solo di valutazioni economiche, laddove l'investimento non è funzionale alla soluzione".

I consiglieri di opposizione ricordano che "la discarica è parzialmente isolata e che ad oggi non è stato realizzato alcun barrieramento idraulico per contenere la dispersione degli inquinanti. Eppure dal modello concettuale del sito definito dai consulenti Arap, emerge che sulla base delle simulazioni eseguite il plume di contaminazione dalla discarica possa raggiungere i 4 Km a valle arrivando pertanto fino alla linea di costa. Il bersaglio è quindi sia la risorsa idrica sotterranea, sia, per la migrazione tramite le acque stesse, di tutto il territorio che si estende dal sito di Villa Carmine fino alla costa. Questo significa che l'acqua sotterranea contaminata frammista a percolato di discarica si sta pertanto tutt'ora diffondendo all'esterno del sito nonostante i numerosi solleciti alla risoluzione della problematica, operati nel corso degli anni".

"Se non si risolve seriamente il problema della discarica di Villa Carmine, - commenta il Consigliere pentastellato Giovanni Bucci - come si può parlare di vocazione turistica del territorio e di una sua valorizzazione, se non ci si interessa prioritariamente della sua tutela ambientale?"

"Un'amministrazione che ha sul proprio territorio un detrattore ambientale così importante, - concludono i Consiglieri - che inficia sulla qualità delle acque superficiali, che sono la risorsa principale del turismo cittadino, non può in alcun modo avallare con passività e rassegnazione interventi che non sono affatto risolutivi a quella che è una storica emergenza ambientale".

Romina Di Costanzo, Antonio Saccone, Gabriele Straccini, Giovanni Bucci.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2022 alle 08:47 sul giornale del 31 ottobre 2022 - 14 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dy02





logoEV
qrcode