Aree di risulta, Pastore: "Tra circa un mese inizieranno i lavori di bonifica al primo lotto"

3' di lettura 14/10/2022 - .

Il presidente della Commissione Lavori Pubblici-Aree di risulta, Massimo Pastore, interviene a fare chiarezza a seguito delle dichiarazioni rilasciate alla stampa locale relativamente al nuovo corso del progetto di recupero del grande sito dell'ex tracciato ferroviario, destinato a cambiare il volto della città e a migliorarne servizi e capacità di accoglienza.

<Il project financing per la riqualificazione delle aree di risulta non esiste più. E questo è il punto di partenza - continua Pastore - Lo ha decretato lo scarso interesse del privato a intervenire per la realizzazione di opere e infrastrutture di interesse pubblico, quindi non rispondendo al bando che a tale scopo era stato pubblicato. Qualsiasi narrazione confusa e strumentale esprime soltanto il contrario della verità e dell'interesse dei pescaresi e quindi, come centrodestra, difendiamo le nostre scelte che rivendichiamo con forza e con senso di responsabilità>.
L'esponente del centrodestra illustra poi le rinnovate modalità di intervento:
<Oggi grazie a una normativa nazionale abbiamo individuato la possibilità di intervenire per lotti, viste le risorse su cui possiamo contare. Il primo lotto riguarderà tutta la parte che da Sud giunge fino al limitare dell'edificio dell'ex stazione ferroviaria. In questa area attualmente sono presenti circa 900 posti auto che saranno ricollocati nel silos sud; questo ci permetterà di realizzare la prima parte del parco centrale, proprio lì dove fino a ora osserviamo questi 900 mezzi in sosta. Vi saranno inoltre la viabilità principale e il nuovo terminal bus>.

L'indirizzo determinato dal centrodestra in Regione e in Comune è insomma stato quello di sbloccare una vicenda che in decenni di dibattito pubblico e di annunci politici aveva solo occupato centinaia di pagine di giornali a stampa:
<La nuova elaborazione ci permette intanto di eliminare molti metri cubi di cemento previsti nel progetto originario: abbiamo infatti estrapolato i due immobili residenziali che avrebbero dovuto nascere nell'area ex Bingo e sul lato sud. Ma soprattutto ci consente di porre sotto il controllo pubblico la gestione dei parcheggi che in caso contrario avrebbe abbracciato tutto il centro cittadino e quindi le Ztl. Sarà quindi il Comune a determinare complessivamente le scelte di mobilità e i costi per la sosta in linea con le tariffe minime possibili. Un concessionario avrebbe invece calcolato queste in base al piano di ammortamento dell'investimento che avrebbe dovuto garantire. Questo è ciò che conta, a me il resto sembrano solo parole senza costrutto>.
Il secondo lotto riguarderà la parte residua a nord est: lì dove era previsto l'edificio pubblico sorgerà la nuova sede della Regione in base al recente protocollo firmato con il Comune e ai tempi che ne scaturiranno; lo stesso Pastore ha sottolineato come qui troveranno sede gli ulteriori siti per la sosta (parcheggio interrato e silos nord) e la seconda zona a verde. <E' necessario dar seguito subito alla definizione delle procedure di questo primo lotto, questo infatti è funzionale a tutte le scelte già effettuate in materia di mobilità intermodale e in sharing, di trasporto pubblico e di ammodernamento di Pescara che ha bisogno di guardare avanti e di non restare impantanata in una vicenda che è lì irrisolta da troppo tempo. Noi non siamo certamente iscritti al partito del "no">.

Tra circa un mese inizieranno intanto i lavori di bonifica dell'intera superficie interessata dal primo lotto.


da Comune di Pescara
www.comune.pescara.it







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2022 alle 08:14 sul giornale del 15 ottobre 2022 - 32 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dvUO





logoEV
qrcode