Di Costanzo (PD): È demoralizzante che Montesilvano non sia dotata di una biblioteca comunale"

2' di lettura 27/09/2022 - È demoralizzante che la terza città d'Abruzzo, in termini demografici, non sia dotata di una biblioteca comunale, un luogo cardine per la coesione sociale e bene importante per l'intera comunità locale, in quanto spazio di studio e approfondimento volto a favorire la dimensione partecipativa, specie delle nuove generazioni.

Da tempo, purtroppo, la biblioteca comunale, originariamente localizzata a Palazzo Baldoni, è stata chiusa causa emergenza pandemica durante il lockdown e nel 2020 ha trovato una sua nuova collocazione all'interno del Pala Dean Martin, in accoglimento alle norme anti-Covid. Successivamente per esigenze legate all'allestimento del centro vaccinale, il servizio è stato nuovamente sospeso e, poiché dal settembre 2021, il centro vaccinale nella sua organizzazione ha subito una battuta di arresto, la struttura è stata restituita all'Amministrazione. Tuttavia, ad oggi presso il Pala Dean Martini è funzionale solo una sala lettura, frequentata da un numero molto esiguo di utenti, in quanto non trattandosi di biblioteca è sprovvista di tutto, a cominciare da libri, riviste, pc e periferiche. I volumi invece restano ancora nella vecchia sede, uno spazio in totale abbandono, impraticabile per cartoni e faldoni vari, come abbiamo verificato tempo fa, senza custodia alcuna.

Sono trascorsi più di sei mesi da quando avevamo presentato un'interrogazione al Sindaco in merito al servizio di riapertura e ci era stato riferito che, in attesa della realizzazione di una nuova biblioteca presso la sede dell'Istituto superiore C. D'Ascanio, in vista di un'intesa tra Dirigente scolastico e amministrazione (grazie alla doppia veste del Sindaco/Presidente della Provincia), era in procinto l'allestimento di uno spazio provvisorio presso il centro sportivo Palaroma. Una scelta infelice, che ad oggi non si è concretizzata, in quanto avrebbe comportato anche interventi di insonorizzazione acustica.

Intanto mentre i mesi passano e gli annunci si dimenticano, la città rimane sprovvista di un servizio essenziale. Nel frattempo, è stato pubblicato il bando "Giovani in Biblioteca" che finanzia proposte progettuali volte alla realizzazione di luoghi polivalenti e innovativi, aperti con orari estesi che ne consentano un'ampia fruibilità, nei quali i giovani possano condividere idee, percorsi e occasioni formative, culturali, ricreative, di incontro e confronto.

Il bando è rivolto a enti locali, università pubbliche e altri enti pubblici titolari di biblioteche. Il contributo è compreso tra 100.000 e 150.000 euro e le proposte sono finanziabili, secondo l'ordine cronologico di arrivo e fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

Sarebbe bello che il Sindaco, oltre essere presente a premiazioni, distribuzioni di targhe e inaugurazioni di esercizi commerciali, finalmente tagliasse il nastro per qualcosa di davvero utile alla cultura della collettività.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-09-2022 alle 10:11 sul giornale del 28 settembre 2022 - 98 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dsb4





logoEV