I monumenti della città di Pescara

3' di lettura 02/08/2022 - L’Italia è ricca di bellezze da togliere il fiato, paesaggi che restano nella memoria e monumenti storici. Basta girare per qualsiasi città per accorgersi del potenziale dello Stivale.

Tanti vacanzieri amanti dei viaggi culturali, oltre a chiedersi quali sono i casino live, ricercano sul web nuove mete per allargare la propria sete di sapere. Sono tanti i luoghi che potremmo citare, ma una menzione speciale va a Pescara, la città natale del noto poeta e scrittore Gabriele D’Annunzio. La località si trova in Abruzzo e affaccia sul Mar Adriatico, regalando uno spettacolo senza paragoni.

Oltre a essere una città con alto traffico di turisti amanti del mare, Pescara gode anche di una serie di monumenti e palazzi storici che raccontano molto della sua storia. Di seguito una serie di luoghi da visitare assolutamente nel proprio soggiorno nella provincia abruzzese.

Palazzo del Governo

Costruito dopo la fine della Prima Guerra Mondiale nel 1927, fu costruita dall’Architetto Pilotti. Adesso è a disposizione per gli uffici dell’Amministrazione Provinciale, mentre una parte è stata trasformata in Biblioteca Provinciale, con oltre i 150.000 volumi. La facciata principale è stupenda, con pietre di color bianco, ornate da sculture ideate da Guido Costanzo di Ortona, raffiguranti il Fiume, la Miniera, l’Agricoltura e il Mare.

L’interno è molto elegante con un marmo policromo. Inoltre è conservato il dipinto di Francesco Paolo Michetti “la figlia di Iorio”.

Palazzo del Municipio

Altra struttura che merita un’attenzione particolare fu costruita sempre da Pilotti e si tratta del Palazzo del Municipio. Realizzato negli anni ’30, è fatto di mattoni e pietra bianca, con un’imponente torre loggiata. Qui, ovviamente si trova il sindaco e per raggiungere gli uffici della Giunta e del Primo cittadino bisogna percorre una doppia scalinata maestosa che lascia sempre senza parole.

Palazzo e teatro Michetti

Impossibile non prendere in considerazione il bellissimo Palazzo Michetti, costruito nel 1912 per volere di Pasquale Michetti. Lo stile è quello Liberty e la facciata ha grosse lesene che compongono la facciata. Le finestre sono composte da balconi in ferro battuto.

Confinato con il palazzo troviamo l’omonimo teatro, aperto nel 1910 dopo un restauro dell’edificio dell’800. Fu voluto dal padre di Pasquale Michetti, Vicentino.

Il teatro nel 1944 fu distrutto da un corposo incendio. La ricostruzione portò a una nuova organizzazione degli spazi. Tutte le decorazioni e le sculture richiamano quelle presenti nel Palazzo vicino.

Da fotografare e ammirare il fregio composto da intrecci scultorei con triglifi e metope.


Casa D’Annunzio

Ultimo luogo, ma non per importanza, da visitare assolutamente è la Casa di D’Annunzio. È forse l’attrazione principale della città e si trova nel centro storico. Lì il noto poeta passò l’infanzia ed è un Monumento Nazionale dal 1927. Al suo interno è possibile trovare un museo dedicato alla sua vita. Ci sono nove sale al cui interno si possono trovare cimeli, arredi e ricordi del sommo artista e di tutta la sua famiglia. È un qualcosa di emozionante e da vedere assolutamente, visto che nelle stanze è possibile vedere i libri, lettere, abiti e perfino i calchi delle mani e del viso di D’Annunzio. Infine sono presenti i documenti della sua partecipazione alla guerra di Fiume durante la Prima guerra mondiale.






Questo è un articolo pubblicato il 02-08-2022 alle 09:29 sul giornale del 02 agosto 2022 - 10 letture

In questo articolo si parla di cultura, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/diX5


logoEV