É iniziata la demolizione dei 3 palazzi Ater di via Lago di Borgiano

3' di lettura 30/06/2022 - Un'attesa durata cinque anni, da quando i tre palazzi Ater di via Lago di Borgiano furono dichiarati inagibili perché a rischio crollo, e quindi sgomberati. Le famiglie che occupavano gli 84 alloggi furono sistemate altrove. Da allora quegli edifici sono diventati simbolo di estremo degrado, spazi chiusi divenuti terreno di conquista di spacciatori e vagabondi. 

Da oggi però si volta pagina: sono infatti iniziati mercoledì mattina al quartiere Rancitelli i lavori di demolizione dei manufatti. E' stato infatti il sindaco Carlo Masci a tagliare il nastro presso il cantiere che è stato affidato dall'Ater all'impresa Rad Service di Perugia. Una volta abbattuti per "pezzi" i tre immobili, in quell'area sarà realizzata dal Comune una piazza che diverrà il simbolo della rinascita di un quartiere periferico con tanti problemi ma ora anche con molte più certezze. A breve sarà la volta del cosiddetto "ferro di cavallo". <E' ciò che avevamo promesso in campagna elettorale ed è ciò che stiamo facendo - ha detto il primo cittadino - qui non vi sarà più il famigerato "treno" con case accorpate, ma anche dei camminamenti e degli spazi aperti per raggiungere sull'altro lato via Lago di Capestrano. Sarà un quartiere più vivibile, dove sarà possibile riscoprire la socialità, con una piazza che sarà un vero e proprio punto di aggregazione che ora manca>. Erano presenti al taglio del nastro del cantiere il presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri, il presidente dell'Ater Mario Lattanzio, il presidente del Consiglio comunale Marcello Antonelli, il vicesindaco Gianni Santilli, l'assessore Isabella Del Trecco, oltre a una vasta delegazione di consiglieri regionali e comunali.

Il crono-programma dell'intervento prevede 180 giorni di lavori, con la convinzione di poterne anticipare la conclusione. <Si tratta di una demolizione manuale - ha detto il progettista e direttore dei lavori, ingegner Alfonso La Civita - fatta per "pezzi" per ragioni di sicurezza vista la presenza di fabbricati adiacenti e abitati. Abbiamo infatti già svuotato uno dei tre fabbricati, ossia abbiamo eseguito lo strip-out (demolizione selettiva) rimuovendo impianti e sanitari presenti. A opere concluse toccherà al Comune dar seguito alla costruzione di una piazza>.

La demolizione dei tre palazzi, ai civici 14,18 e 22 di via Lago di Borgiano, prevede un investimento di un milione e 350mila euro con fondi di provenienza regionale; una volta completata, come si accennava, l'area diverrà uno spazio aperto con una fontana. Vi saranno naturalmente giardini e panchine, ma negli obiettivi si punta a riqualificare anche ciò che è presente, come il parco della Speranza. <Ringrazio l'Ater che si è messa a disposizione con un'azione molto concreta affinché raggiungessimo questo risultato - ha concluso il sindaco - Il nostro impegno sul territorio è totale e, permettetemi di dire, anche molto efficace visto che questi quartieri hanno sempre vissuto una condizione di abbandono. Tra pochi giorni presenteremo anche il progetto esecutivo della piazza che realizzeremo qui, e subito dopo passeremo all'abbattimento del "ferro di cavallo", un intervento che nessuno avrebbe mai immaginato si potesse fare. A tal proposito l'Ater ha proceduto a recuperare un centinaio di appartamenti dove abbiamo trasferito gran parte delle persone che ne avevano diritto e che vivevano lì in una situazione di grave disagio; chi non aveva titolo è stato invece sfrattato e ringrazio per questo gli operatori della Polizia locale e delle forze dell'ordine. Chi delinque o pensa di occupare case abusivamente deve sapere che sarà perseguito dalle legge con determinazione. Le città cambiano e anche Pescara sta cambiando. Ciò che sottolineo è che le persone per bene devono avere fiducia perché qui si può vivere bene>.


da Comune di Pescara
www.comune.pescara.it







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-06-2022 alle 08:48 sul giornale del 01 luglio 2022 - 121 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ddBg





logoEV
qrcode