Sentenza del Consiglio di Stato sui sottotetti contro il comune di Montesilvano, un pronunciamento mal compreso

2' di lettura 03/01/2022 - 1. Finalmente, si comincia a parlare sulla stampa locale della sentenza del Consiglio di Stato sui sottotetti contro il comune di Montesilvano, (su Il Messaggero-Abruzzo del 31-12-2021).

2. Purtroppo la montagna ha partorito un topolino. Il giornalista (del Messaggero) non ha capito la portata della sentenza. Da una parte riducendo la sentenza ad un contenzioso di alcuni abitanti di via Liguria contro l'impresa che ha realizzato "un palazzo in sostituzione di una villetta", trascurando la circostanza che la sentenza è contro il comune di Montesilvano e le sue normative edilizie "surrettizie". Addirittura il giornalista ipotizza che si tratti di una "vittoria di Pirro", potendo il comune concedere un permesso in sanatoria anche ai sottotetti già realizzati. Non è così.

3. Dall'altra, il giornalista travisa la parte della sentenza di non accoglimento del ricorso, sui temi paralleli della modalità ed efficacia di cessione di alcune aree a standard, i parcheggi e lo spazio pubblico stradale, le carenze della rete infrastrutturale, come una dichiarazione di insussistenza dell'impatto urbanistico dell'opera .

4. Invece sta proprio in questo la portata dirompente della sentenza. Ossia la evidenza, al di là del caso specifico di via Liguria, che se sono illegittime le norme comunali sui sottotetti, che hanno consentito di scomputare la cubatura dei sottotetti, realizzati senza corrispettivi, oneri di urbanizzazione e standard urbanistici per quegli abitanti fantasma dei sottotetti, allora tutta la città, costruita negli ultimi 20 anni con quelle norme illegittime, ha accumulato un debito urbanistico, stimato in un 20 % in più di carico urbanistico, non pagato, con standard non realizzati, che apre un enorme credito dei cittadini nei confronti del comune e dei decisori responsabili.

5. La conseguenza evidente è l'obbligo di abolizione di quelle (e di altre) norme comunali illegittime, e l'avvio di una discussione pubblica per il recupero degli standard urbanistici omessi, e per la creazione condivisa di una nuova urbanistica pubblica trasparente e partecipata, di tipo prestazionale .
6. Per approfondimenti sulla vicenda si veda su Il Sorpasso, periodico dell'area pescarese, su carta e online.

https://ilsorpassomts.com/2021/12/28/sentenza-sottotetti-del-consiglio-di-stato-del-22-11-2021-illegittimita-di-norme-edilizie-del-comune-di-montesilvano-per-una-nuova-urbanistica-prestazionale/

7. La sentenza CdS sui sottotetti contro il comune di Montesilvano fa riferimento, a livello nazionale, sul tema della vicinitas e del carico urbanistico dei sottotetti .

Pare che forse solo a livello locale non l'abbiano capito.

https://www.lavoripubblici.it/news/amp/vicinitas-calcolo-volume-edificabile-consiglio-stato-sottotetto-27324


da Giuseppe Di Giampietro

Architetto, phd, presidente comitato Saline-Marina-PP1 Montesilvano







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-01-2022 alle 11:49 sul giornale del 04 gennaio 2022 - 313 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cDaA





logoEV
qrcode