Grazie alla Camera di Commercio Chieti Pescara sono 37 le aziende abruzzesi presenti all'Artigiano in Fiera a Milano

3' di lettura 06/12/2021 - Finalmente! E' questo lo slogan con il quale l'Artigiano in Fiera riapre i battenti a Milano. Dopo lo stop nel 2020, l'annus horribilis della pandemia, la fiera più famosa al mondo per talento e creatività ritorna più ricca che mai.

9 giorni, dal 4 al 12 dicembre, 7 padiglioni del polo di Fieramilano (Rho), 1.800 espositori e 80 Paesi del mondo presenti e rappresentati, 29 ristoranti e 18 luoghi del gusto: sono questi i numeri da capogiro di una manifestazione in cui c'è davvero tutta l'Italia al gran completo, con le sue 20 regioni, oltre ad una significativa area dedicata all'Europa.

Ma non solo: dal Nord Africa ci sono i ritorni del Marocco e della Tunisia e il debutto dell'Algeria presente per la prima volta. Sempre dall'Asia si segnalano le partecipazioni di India, Iran, Indonesia e Nepal, mentre un'altra grande novità è rappresentata dalla partecipazione dell'Arabia Saudita, per la prima volta ad una fiera europea su iniziativa del Ministero della Cultura per presentare le proprie tradizioni in un'area dedicata agli eventi e agli show-cooking. E ancora dalle Americhe, tra i vari paesi presenti, sono arrivati gli artigiani del Messico, Cuba, Colombia e Argentina.

"In questi mesi, le imprese non hanno mai smesso di lavorare e questa fiera ne è una dimostrazione. La digitalizzazione di alcuni mestieri offre sicuramente dei vantaggi, soprattutto in termini di sostenibilità, ma nessuna economia digitale potrà mai regalarci i profumi ed i sapori che si sentono qui".

Commenta così il presidente Gennaro Strever la folta partecipazione dell'Abruzzo alla manifestazione: grazie al protocollo di intesa tra Camera di Commercio Chieti Pescara, Camera di Commercio del Gran Sasso e Regione Abruzzo - Dipartimento attività produttive e turismo, è stata acquisita una area di 500 metri quadrati rappresentata da ben 37 aziende del territorio del settore artistico ed agroalimentare.

Questi i nomi delle aziende: Big Hop srls, Di Vito Food, Bracevia a tutta pecora srl, Dadu ricami, Europa Ovini srl, L'ape e l'arnia, Longo Onofrio Dario, Az. Agr. Garofalo Patrizia, Apicoltura Bianco, Fulvi ceramiche e decor di Elisa Fulvi, Azienda Agricola P.A. Scé Giovanni, Triveri srl, Oleificio Andreassi srl, De Santis Navio, Amosa Exe srl, Azienda Agricola Pierina, CBE Elettrodomestici, Azienda Agricola Agriflorio, Salumificio Di Fiore, Pompa Gabriele, Di Mare srls, Confetti Pareggi, Di Carlo & C. snc, Confetti Pelino srl, Az. Agr. La Mascionara, Ferroni Cristiano, Azienda Agricola Di Pancrazio Pancrazio, La Casa di Cura srl, Mamo Ergo Sum srl, Birrificio Fonte del latte srl, Associazione Ceramisti di Castelli, Maioliche Artistiche Lorenzo Di Stefano, Ideart di Antonio Di Francesco, Ceramica d'arte di Ivana Di Claudio, I Maestri della porchetta sas, Oleificio Chiodi & C. snc, Azienda Agricola Ramo di Mandorlo, DMC Hadriatica.

Sul piatto anche un'area con lo street food tipico della Costa dei Trabocchi.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-12-2021 alle 16:12 sul giornale del 06 dicembre 2021 - 120 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cyf6





logoEV
logoEV