IMAGO Museum: Un’avventura artistica nel cuore di Pescara

2' di lettura 12/10/2021 - Nel centro della nostra città è stato da poco inaugurato il museo di Arte Moderna e Contemporanea “IMAGO Museum”. A presiedere l’inaugurazione c’è stato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, attirando numerosi cittadini e curiosi. Il palazzo che ospita il museo è anch’esso un meraviglioso esempio di architettura razionalista e fa parte di un progetto di valorizzazione culturale e di rigenerazione urbana promosso dalla fondazione Pescarabruzzo.

Il museo si pone di accompagnare il visitatore in un viaggio alla scoperta della propria interiorità attraverso un percorso guidato di opere partendo dal classicismo fino ad arrivare all’arte contemporanea. Il tutto racchiuso in due mostre permanenti sull’impressionismo e sul realismo dei paesi scandinavi e in una mostra temporanea dedicata a due grandi maestri di Pop Culture e Arte Contemporanea: Andy Warhol e Mario Schifano.

Quest’ultima propone un confronto tra i due artisti attraverso l’esposizione di oltre quattrocento opere diverse tra fotografie, serigrafie, tele, poster, stampe e carboncini; il tutto arricchito e contornato da sei sculture di Matres, per i non intenditori parliamo di sculture rappresentanti donne prosperose simbolo di prosperità e fertilità, che risalgono intorno al III e IV secolo a.C.

Il blocco C del museo è una sezione quasi interamente dedicata a Warhol, presenta molte delle sue opere più celebri come l’iconico barattolo della Campbell’s Tomato Soup oppure l’inimitabile e altrettanto iconica star hollywoodiana Marilyn Monroe o anche “Cow” e il ritratto di Mao Tse Tung, protagonista del Comunismo cinese. Tutte le opere sono caratterizzate da colori brillanti e intensi proprio come quelli dei fumetti della grafica Pop e da un alto grado di contrasto tale da catturare intensamente lo sguardo del visitatore.

Non può mancare il tratto più emblematico e originale di Andy Warhol che lo contraddistingue in modo netto dagli altri artisti del suo tempo, con un immancabile arte seriale, ossia la ripetizione della stessa immagine, attingendo i propri soggetti dall’universo quotidiano, giocando in ogni tela con i colori e gli accostamenti pluricromatici.

Schifano, dall’altra parte, si pone come uno dei massimi esponenti della Pop Art italiana e europea, continuando il filone iniziato da Andy Warlol in America, ma non perdendo comunque di originalità anzi arricchendolo della sua personalità poliedrica. Mario Schifano come tutti gli artisti contemporanei si pone di traghettare l’uomo verso altri orizzonti, arrivando a considerare il mondo esterno come un’ispirazione pronta a fluire verso l’artista.








Questo è un articolo pubblicato il 12-10-2021 alle 11:19 sul giornale del 13 ottobre 2021 - 230 letture

In questo articolo si parla di redazione, pescara, vivere pescara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cnTA