Riuninita la Commissione per Project Financing Le Naiadi

4' di lettura 02/07/2021 - E poi nuovi arredi e lavori sulla piscina scoperta per renderla realmente olimpionica, ovvero adeguata a ospitare eventi di rilevanza mondiale, e sulla torre tuffi, utile anche per le arrampicate.

Sono le prime indiscrezioni inerenti il Project Financing all’esame della Regione Abruzzo per l’affidamento della gestione ventennale del complesso sportivo Le Naiadi, emerse oggi nel corso della seduta della Commissione Statuto, che ha visto la presenza dell’ingegnere Maurizio Pagliaro, componente della Commissione esaminatrice del Project stesso.

Dettagli che verranno evidentemente approfonditi dal governo Marsilio, con tempi chiari da rispettare per fare in modo di chiudere tutta la procedura entro un anno”.

Lo ha detto il Presidente della Commissione Statuto, consigliere di Forza Italia, Claudio Croce, ufficializzando l’esito della seduta svoltasi alla presenza dell’ingegner Pagliaro.

“Dopo il voto dell’ordine del giorno in Consiglio comunale e il dibattito che ne è scaturito subito dopo, abbiamo ritenuto opportuno approfondire i termini della proposta di Project Financing già in essere, dunque in qualche modo la proposta, avanzata da un’Associazione Temporanea d’Imprese, che ha già cominciato il proprio iter, per meglio definirne contenuti e contorni – ha spiegato il Presidente Croce -.

Prima gli aspetti tecnici: come ha spiegato l’ingegner Pagliaro, il piano di fattibilità della proposta di Project ha già superato l’esame della Commissione preposta e ora è sul tavolo della Giunta regionale per essere adottata in delibera.

Quest’ultimo passaggio è fondamentale per aprire la Conferenza dei Servizi che vedrà la partecipazione di tutti gli Enti pubblici in qualche modo interessati, tra cui i Comuni di Pescara e Montesilvano, su cui ricade il complesso sportivo, il Comando dei Vigili del Fuoco, la Asl e le istituzioni sportive.

Se i tempi fossero rapidi, la Conferenza dei servizi potrebbe chiudere i propri lavori osservando la proposta, predisponendo correttivi o semplicemente esprimendo i propri pareri di competenza, già entro settembre. A quel punto l’iniziativa dovrebbe essere validata e certificata da un Ente terzo a sua volta certificato, per poi avere un altro passaggio in giunta regionale e andare in gara d’appalto con diritto di prelazione per il soggetto promotore.

Poi alcuni dettagli tecnici del Project Financing su cui per ovvie ragioni vige per ora la riservatezza. Innanzitutto la proposta è stata presentata da un’Ati tipica, che comprende una società di progettazione, una società esecutrice dei lavori e una società di gestione.

Complessivamente l’intervento proposto prevede un investimento di 5milioni di euro, di cui 4milioni di euro destinati interamente alla riqualificazione e all’efficientamento energetico dell’intera struttura, dunque di tutti gli impianti.

Gli interventi principali riguarderanno la piscina scoperta che oggi non è al cento per cento olimpionica perché ha un problema di profondità, dunque va resa definitivamente olimpionica per potersi candidare a ospitare manifestazioni sportive di rilevanza internazionale, finanche le Olimpiadi, con un restyling totale della Torre tuffi, che potrà essere utilizzata anche per le arrampicate.

Il progetto prevede più genericamente, poi, una migliore distribuzione degli spazi e nuovi arredi. L’investimento da 5milioni di euro, come ha spiegato l’ingegner Pagliaro, sarà completamente a carico dei privati che chiedono l’affidamento in gestione per vent’anni, e da parte della Regione Abruzzo non è previsto, in questa fase, un co-finanziamento, né tantomeno è previsto un introito in favore della Regione, ovvero non c’è il pagamento di un canone di locazione.

Ovviamente tali requisiti, contenuti nel Project Financing, potranno essere oggetto di modifiche in sede di gara d’appalto.

Quel che è certo – ha aggiunto il Presidente Croce – è che finalmente la vicenda de Le Naiadi ha iniziato un percorso che entro un anno dovrà darci la soluzione più definitiva e stabile possibile, per restituire fruibilità e continuità a un complesso sportivo che è la nostra punta di diamante in termini di impiantistica sportiva”.


da Claudio Croce
Presidente Commissione Società Partecipate





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2021 alle 15:55 sul giornale del 03 luglio 2021 - 125 letture

In questo articolo si parla di attualità, commissione, croce, comunicato stampa, Claudia, SocietàPartecipate

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b9Sc





logoEV