L'Amministrazione comunale lancia il programma dei Buoni-spesa per sostenere a Natale le famiglie messe in difficoltà dalla pandemìa

5' di lettura 09/12/2020 - Come preannunciato nei giorni scorsi, la Giunta comunale di Pescara ha approvato oggi una delibera che introduce, con carattere di immediatezza, il programma di distribuzione di Buoni-spesa a beneficio di quella famiglie che siano già a carico delle Politiche sociali del Comune o che vivano una condizione di particolare difficoltà reddituale a seguito dell'insorgere della seconda fase dell'epidemia.

"Ci tenevo in modo particolare - così il sindaco Carlo Masci - a far sì che i cittadini ricevessero un segnale importante d' attenzione.

Soprattutto adesso che le imminenti festività rendono il disagio che stiamo vivendo ancor più pesante.

I pescaresi potranno così utilizzare questi buoni-spesa per i loro acquisti. Un aiuto concreto per il Natale, che certo non risolve tutti i problemi ma che mi auguro renda più liete le festività. Abbiamo sempre detto che nessuno sarebbe rimasto indietro, questa ne è l'ennesima dimostrazione".

Il provvedimento, che attinge al Fondo di solidarietà alimentare, è rivolto alle famiglie ovviamente residenti Pescara e riguarda beni alimentari di "prima necessità" (esclusi i super alcolici), anche per intolleranze, medicinali, prodotti per la prima infanzia, prodotti per l'igiene personale e della casa, prodotti per animali da affezione.

Va precisato che la richiesta di beneficio presentata al Comune di Pescara è incompatibile con quella eventualmente presentata in un altro Comune da uno degli altri componenti il medesimo nucleo familiare.

Ogni nucleo familiare residente a Pescara potrà presentare una sola richiesta di accesso al beneficio in questione.

I beneficiari dei cosiddetti Buoni-spesa, anche sulla base del piano portato a termine durante la prima fase dell'emergenza sanitaria, sono stati individuati nelle seguenti categorie:

a) nuclei familiari che usufruiscono degli interventi dei Servizi Sociali, o hanno titolo a usufruirne (se si tratta di soggetti non "in carico"ai Servizi Sociali), con un ISEE al di sotto di € 8.000,00 e che non hanno avuto "entrate" (reddito da lavoro dipendente, pensione, RDC, NASPI, CIG, mobilità, altre forme di ammortizzatori sociali) superiori a complessivi € 1.560,00 nei mesi di ottobre e novembre 2020.

Nel caso in cui il nucleo familiare non sia in possesso del modello ISEE, dovrà dichiarare di non avere disponibilità sui conti correnti bancari o postali, oppure depositi, intestati ai vari componenti, di importo totale per l'intera famiglia superiore a € 5.000,00 alla data del 30.11.2020. Sono esclusi buoni e/o titoli vincolati intestati ai minori alla data del 30.11.2020;

b) lavoratori autonomi e parasubordinati (titolari o no di partita iva), esercenti attività che sono state sospese/limitate nei mesi di ottobre e novembre 2020 a seguito dell'emanazione dei provvedimenti nazionali e regionali sull'emergenza covid (o che sono state sospese volontariamente dai titolari per problematiche legate all'emergenza stessa), il cui nucleo familiare non ha avuto altre "entrate" oltre a quelle derivanti dalle attività sospese/limitate (quali reddito da lavoro dipendente, pensione, RDC, NASPI, CIG, mobilità, altre forme di ammortizzatori sociali, nonché indennità a titolo di "ristoro" previste a livello nazionale e regionale per la categoria di appartenenza, anche se non ancora materialmente percepite) superiori a complessivi € 1.560,00 nei mesi di ottobre e novembre 2020; e che non ha disponibilità sui conti correnti bancari o postali, oppure depositi, intestati ai vari componenti, di importo totale per l'intera famiglia superiore a € 5.000,00 alla data del 30.11.2020. Sono esclusi buoni e/o titoli vincolati intestati ai minori alla data del 30.11.2020.

Per snellire la procedura, l'avviso pubblico in via di imminente pubblicazione prevederà che l'istruttoria e l'erogazione dei benefici verranno portate avanti sulla base delle "autocertificazioni" prodotte dai richiedenti.

Dichiarazioni mendaci o difformi saranno motivo di esclusione, se emergessero durante la fase di accertamento dell'identità e delle posizioni reddituali.

Infine, quale criterio/requisito per la determinazione dell'importo da erogare "una tantum" a titolo di sostegno alimentare, è stato fissato quello del "Numero dei componenti del nucleo familiare, con attenzione particolare per il numero di minori", il tutto nel seguente modo:

· Nuclei familiari con un solo componente € 150,00

· Nuclei familiari con due componenti € 220,00

· Nuclei familiari con tre componenti € 290,00

· Nuclei familiari con quattro componenti € 360,00

· Nuclei familiari con cinque componenti € 430,00

· Nuclei familiari con sei o più componenti € 500,00 Per ogni componente il nucleo familiare di età al di sotto dei 2 anni è prevista una maggiorazione di € 50,00, per un massimo di € 100,00.

"Non abbiamo dato adito, come alcuni, a parole campate in aria che ho invece avuto modo di ascoltare nel corso degli ultimi giorni – ha detto l'assessore alle Politiche sociali Adelchi Sulpizio –

Era un nostro preciso dovere come amministrazione valutare con attenzione i contenuti di questo provvedimento, che deve rappresentare un aiuto concreto per le famiglie, in piena trasparenza e senza lasciare dubbi e in piena trasparenza.

Credo che ci riusciremo nei tempi previsti e questa per noi è l'unica cosa che conta. Le famiglie in difficoltà per il Covid e quelle già aiutate dalle Politiche per il Cittadino a breve potranno consultare l'avviso".

"Abbiamo lavorato molto intorno a questa delibera – ha affermato l'assessore all'Associazionismo Sociale e alla Disabilità Nicoletta Di Nisio - e oggi sono molto felice di confermare tutti gli aspetti che ne costituiscono parte integrante.

Si tratta di provvedimento immediatamente eseguibile e che attinge alle somme del Fondo di solidarietà alimentare, con una disponibilità di 675.000 euro.

Mi dispiace che ancora una volta i fatti abbiamo smentito coloro che nei giorni scorsi hanno perso del tempo per diffondere notizie infondate. Noi diamo la precedenza ai cittadini e non alle fantasie".


da Comune di Pescara
www.comune.pescara.it





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-12-2020 alle 10:59 sul giornale del 10 dicembre 2020 - 210 letture

In questo articolo si parla di attualità, pescara, Comune di Pescara, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bE8G