SEI IN > VIVERE PESCARA > ATTUALITA'
articolo

Sorpresa, ora il Comune abbassa le tasse: famiglie risparmieranno 100 euro all'anno

2' di lettura
659

10 euro al mese, per tutto il periodo scolastico: è questo all’incirca il risparmio garantito a tutte le famiglie che hanno almeno un bambino iscritto nelle scuole primarie pescaresi.

L’amministrazione comunale ha infatti abbassato da 4,07 a 3,56 euro a pasto la tariffa della refezione scolastica, garantendo a tutti coloro che non beneficiano della riduzione o dell’esenzione uno sconto netto di 51 centesimi al giorno. Fatti i conti, con 5 giorni di frequenza settimanale, nelle tasche delle famiglie pescaresi dovrebbero restare circa 10 euro al mese, mentre in un anno il risparmio si aggira sui 90-100 euro per figlio.

Ma non è tutto, visto che il sindaco Alessandrini, accompagnato dall’assessore all’Istruzione Giovanni Di Iacovo, ha annunciato una vera e propria rivoluzione del servizio in partenza dal 3 ottobre. La ditta che si è aggiudicata l’appalto, ATI Cir Food s.c. - Bioristoro Italia, punta infatti a fare della qualità e della sostenibilità delle materie prime il punto centrale dell'attività.

“Tra le novità più rilevanti – sottolinea Marco Alessandrini – oltre all’abbassamento delle tariffe c’è una qualità maggiore, menù studiati e calibrati a km zero e stagionali, con la possibilità di partecipare attivamente al servizio perché sia migliore. Presto, infatti, si terrà anche la prima riunione della Commissione mense, nuovo organismo formato da tecnici, consiglieri e rappresentanti dei genitori, voluto dal Comune perché i cambiamenti fossero condivisi con la comunità”.

“Il bando ha durata quinquennale – spiega l’assessore Di Iacovo -, per un importo complessivo pari a 16.698.352,56 euro, e interessa gli anni scolastici fino al 30 giugno del 2020. Si tratta di una rivoluzione cercata e voluta perché riguarda la salute dei nostri ragazzi e perché la Pubblica Amministrazione deve poter proporre modelli di efficienza, tenendo alta la qualità e guardando anche ad economie di scala. Ora – conclude - quella che sembrava una lontana ambizione da lunedì 3 ottobre diventa realtà”.



Questo è un articolo pubblicato il 26-09-2016 alle 18:46 sul giornale del 27 settembre 2016 - 659 letture