Estate nera, l’assessore replica ai balneatori: ‘Già investiti 170 mln, mare è priorità assoluta’

2' di lettura 05/07/2016 - A poche ore dal clamoroso grido d’allarme lanciato da Cna Balneatori, secondo cui l’estate pescarese, almeno dal punto di vista delle presenze in spiaggia, non sarebbe mai stata così nera come nel 2016, dalla Regione Abruzzo arriva la replica del sottosegretario con delega all’Ambiente, Mario Mazzocca (foto).

Pur comprendendo bene le preoccupazioni espresse da Cna sull’andamento della stagione balneare, Mazzocca snocciola l’elenco di investimenti e iniziative intraprese dalla Giunta regionale per migliorare lo stato delle acque marine.

“Abbiamo investito oltre 170 milioni di euro per l’adeguamento del sistema di depurazione e delle reti fognarie e per la rinaturalizzazione dei fiumi – precisa il sottosegretario -, una parte rilevante di questi fondi sono stati dedicati al risanamento dell’Aterno-Pescara con interventi che interessano tutta l’asta fluviale e che sono attualmente in corso di lavorazione. L’impiego di tali ingenti risorse è continuamente monitorato dalla Giunta regionale e, nel mese di maggio, sono stati pubblicati i dati relativi allo stato di avanzamento dei lavori affidati alla gestione delle società acquedottistiche, che vengono continuamente sollecitate a fare presto e bene”.

Ma non è tutto: “Sempre nel mese di maggio – prosegue Mazzocca -, la Regione ha dato vita ad una task force, della quale fanno parte rappresentanti della Prefettura, delle forze dell’ordine e del Comune di Pescara, instaurando, in tal modo, uno stretto rapporto di collaborazione con tutti gli enti preposti alla tutela ambientale, allo scopo di individuare ed eliminare gli scarichi abusivi di reflui non depurati”.

“La comunicazione degli interventi effettuati e delle buone pratiche messe in atto – conclude – è stata costante e puntuale, sempre ancorata a dati di realtà e non c’è stato alcun ‘tran tran burocratico’ nell’affrontare un tema che rappresenta una delle priorità della Giunta nell’opera di risanamento ambientale. Infine, aggiungo che con il Masterplan la Regione ha stanziato la somma di 15 milioni di euro per il taglio della diga foranea posta alla foce del fiume Pescara, che ne ha finora convogliato le acque sulla riviera nord. I lavori partiranno con l’approvazione del nuovo Piano regolatore portuale”.






Questo è un articolo pubblicato il 05-07-2016 alle 12:08 sul giornale del 06 luglio 2016 - 775 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, politica, estate, inquinamento, mare, balneazione, pescara, Abruzzo, regione abruzzo, balneatori, vivere pescara, marco alessandrini, articolo, mario mazzocca, masterplan, cna balneatori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ayQO





logoEV