30enne fulminato da infarto: sano e amante dello sport, Paolo è morto a pochi giorni dalla promessa di matrimonio

1' di lettura 23/06/2016 - Amava sopra ogni cosa la sua fidanzata, Simona, come mostrano le decine di foto postate su Facebook, e poi lo sport, a partire dal running e dalla bicicletta: nonostante la giovane età e le perfette condizioni di salute, però, è stata proprio la passione per la corsa a stroncare l’esistenza di Paolo Palmucci, 30enne di Cepagatti (foto).

Di professione account manager presso una multinazionale spagnola, come ogni sera tra i tanti impegni Paolo si era ritagliato una mezzoretta per andare a correre nei dintorni di Cepagatti, ma in questo caso il jogging è stato fatale, lasciandolo sul ciglio di una strada, tra i passanti, fulminato da un arresto cardiocircolatorio.

La tragica notizia nel giro di pochissimo ha fatto il giro del paese, gettando nello sconforto familiari e amici. In particolare, come raccontano diversi conoscenti, tra pochi giorni il giovane avrebbe ufficializzato in Municipio la sua unione con Simona, con la tradizionale 'promessa' che anticipa il matrimonio civile.

La morte lo ha colto in uno dei periodi più sereni della sua vita, e a nulla sono valsi i tentativi dei sanitari del 118 per rianimarlo: nonostante uno stato di forma invidiabile, Paolo Palmucci si è spento all’improvviso, lasciando a tutti il ricordo di una persona sorridente e gentile.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 23-06-2016 alle 11:05 sul giornale del 24 giugno 2016 - 1595 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pescara, infarto, jogging, vivere pescara, cepagatti, marco verri, articolo, paolo palmucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ayrK