Trofeo Matteotti, non tutto è perduto: D’Alfonso promette fondi e supporto per l’edizione 2016

2' di lettura 16/06/2016 - All’indomani del clamoroso annuncio della cancellazione dell’edizione 2016 del Trofeo Matteotti (link articolo), importanti rassicurazioni arrivano dalla Giunta regionale abruzzese.

A parlare è Luciano Monticelli, presidente della Commissione Politiche europee del Consiglio regionale: “Con delibera n. 330 del 24 maggio scorso – spiega – la Giunta ha concesso 25.822,84 euro all’Associazione Perna per l’organizzazione del Trofeo Matteotti. Inoltre, ho appena parlato con il presidente D’Alfonso, che in questi giorni è a Bruxelles per impegni istituzionali, il quale mi ha assicurato che la Regione interverrà con altri fondi maggiorati per l’edizione di quest’anno”.

La notizia della cancellazione nelle scorse ore aveva suscitato forti polemiche in città, e in molti si erano detti sconcertati per l’annullamento di una delle manifestazioni-simbolo dello sport pescarese.

“Pescara – ha tuonato il coordinatore cittadino di Forza Italia Guido Cerolini - non può perdere anche il Trofeo Matteotti. La città dei gloriosi Giochi del Mediterraneo del 2009 e della prima edizione dei Giochi sulla spiaggia, svoltisi appena un anno fa, non può permettersi, a causa del sindaco-fantasma Alessandrini, di veder spegnere anche la manifestazione sportiva più antica della città, nata addirittura nel 1945: si tratta di una notizia inaccettabile per chi ama Pescara”.

Sulla stessa linea l’intervento del capogruppo di FI in consiglio regionale, Lorenzo Sospiri: “L’annullamento dello storico Trofeo Matteotti – si legge in un comunicato stampa - è purtroppo lo specchio di un governo regionale e comunale di stampo PD incapace e indifferente alle nostre radici, alle tradizioni e alle necessità dei cittadini. Un’indifferenza che non intendiamo tollerare oltre perché Pescara, dopo il porto e l'aeroporto, non può permettersi altri disastri per l’incompetenza di chi ci governa”.

“Sospiri – ha replicato Monticelli - dovrebbe leggere le carte prima di rilasciare affermazioni destituite di fondamento, e soprattutto ricordare che furono i suoi colleghi di maggioranza in Regione a far annullare l’edizione 2009 della corsa per non aver concesso neanche un euro agli organizzatori”.

Polemiche a parte, la scommessa è lanciata: riusciranno i pescaresi a godersi anche quest’anno la storica competizione ciclistica?



di Marco Verri
redazione@viverepescara.it