Il fiume è una fogna, gli ambientalisti ‘avvisano’ il Comune: ‘No alla balneazione, pericolo contaminazione’

2' di lettura 03/06/2016 - ‘Un grafico raccapricciante dell'andamento dei batteri Escherichia coli alla foce del fiume Pescara’: con queste parole Augusto De Sanctis del Forum abruzzese dei Movimenti per l’Acqua ha commentato gli ultimi esami effettuati dall’Arta su campioni prelevati a metà maggio.

La notizia, rilanciata dal Forum H2O e da diverse altre sigle ambientaliste, sta scatenando l’ennesima bufera proprio alla vigilia dell’apertura della stagione estiva.

“Il picco è del 17 maggio – prosegue De Sanctis -, la situazione sta peggiorando sempre più: i tecnici hanno trovato alla foce, cento metri a valle del Ponte del Mare, 110.000 unità di Escherichia coli in cento millilitri d’acqua. Nei prelievi precedenti, effettuati sempre nello stesso punto, erano state trovate 64.000 unità di Escherichia coli. Per non parlare del dato degli Enterococchi, altro parametro che indica la presenza di scarichi fognari nell’acqua. In questo caso, sempre con la rilevazione del 17 maggio, sono state trovate 15.000 unità per cento millilitri d’acqua, mentre a marzo le unità erano 1.500”.

“Tutto questo – aggiunge il rappresentante del Forum – è particolarmente grave se consideriamo che il limite di Escherichia coli per uno scarico di un depuratore è di 5000 ufc/100 ml. Praticamente siamo 22 volte sopra i limiti per una fogna, e stiamo parlando di un fiume con portata di decine di mc al secondo!”

L’evidente peggioramento ha spinto gli stessi ambientalisti a diffidare la amministrazioni locali rispetto alla concessione dei permessi di balneazione, fino a quando non saranno eliminati definitivamente tutti gli scarichi abusivi e le fonti di contaminazione.

La denuncia rischia di avere pesanti ripercussioni nel mondo politico, visto che solo pochi giorni fa l’Amministrazione comunale pescarese aveva annunciato la cancellazione di gran parte dei divieti di balneazione, restringendo l’ordinanza al solo tratto che va dalla Madonnina al punto di campionamento di via Balilla. Cosa accadrà adesso?










logoEV
logoEV