Il mercato torna sulla Strada Parco fino al 30 aprile. Dubbi sul futuro, Acerbo: ‘Un mare di soldi sprecati per filovia’

2' di lettura 09/02/2016 - La firma è arrivata lunedì 8 febbraio: dopo una lunghissima attesa, i tecnici e il presidente di TUA Luciano D’Amico hanno incontrato il sindaco Marco Alessandrini per la sottoscrizione del verbale di riconsegna della Strada Parco al Comune di Pescara.

Come si legge nella nota stampa del Comune, il documento prevede che l’Ente torni in possesso dell'area fino al 30 aprile, anche se “gli uffici predisporranno delle proroghe finché non verrà completato l’iter relativo al trasporto pubblico sostenibile che attraverserà l’arteria verde cittadina”.

Mercato o no, il filobus quindi arriverà, anche se i tempi sono tutt’altro che certi. Lo conferma lo stesso D’Amico, secondo cui “Il progetto è quello di destinare l’impianto viario al trasporto pubblico locale”. Nell’attesa, la Strada Parco viene riconsegnata al Comune “per farne il suo più fruttuoso uso a vantaggio della città”. “La filovia è già nata – sottolinea il presidente di TUA -, stiamo facendo gli ultimissimi approfondimenti per l'individuazione del mezzo che dovrà dare a Pescara un trasporto ad alta funzionalità ed efficienza”.

“Vedremo cosa accadrà dopo il 30 aprile – replica il sindaco -, nel caso non ci saranno cambiamenti chiederemo una proroga. Lo dico anche per sgombrare il campo dall'incertezza: è fuori discussione che Pescara ha bisogno di un trasporto pubblico efficiente, com’è chiaro che va trovata la soluzione migliore perché alla Strada Parco vengano assicurate le funzioni sostenibili che sono nella sua natura”.

Nei prossimi giorni l’assessore alle Attività produttive Giacomo Cuzzi procederà quindi alla sistemazione della segnaletica e alla assegnazione dei nuovi spazi agli operatori commerciali. “Ormai è davvero questione di pochissimo – assicura Cuzzi -, ovvio che una volta spostato il mercato, l’obiettivo sarà quello di chiedere proroghe a TUA per continuare ad avere la disponibilità dell’area oltre il 30 aprile, assicurando una migliore fruibilità ai cittadini e agli operatori”.

“Finalmente il mercato torna sulla Strada Parco – commenta l’ex deputato di Rifondazione Comunista Maurizio Acerbo -, è una buona cosa perché è davvero insensato che sia stato spostato per così tanto tempo in luogo non idoneo. Meglio tardi che mai!”

Non manca quindi un riferimento polemico alla annosa questione del filobus: “Sono stati sprecati un mare di soldi per un progetto nato male – tuona Acerbo -, e al momento il futuro è ancora confuso a causa del fallimento della ditta fornitrice del mezzo. La collocazione del mercato quindi è bene che diventi definitiva, comunque vada a finire la vicenda della filovia fantasma”.






Questo è un articolo pubblicato il 09-02-2016 alle 10:28 sul giornale del 10 febbraio 2016 - 537 letture

In questo articolo si parla di attualità, trasporti, commercio, politica, tua, vivere pescara, strada parco, luciano d'amico, giacomo cuzzi, antonio blasioli, maurizio acerbo, articolo, filobus pescara, mercato strada parco

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/attx