Anche a Pescara arriva il reddito minimo? Teodoro lancia la carta prepagata per famiglie in crisi

1' di lettura 04/02/2016 - Una carta prepagata per sostenere gli acquisti delle famiglie bisognose: è questa la proposta dei consiglieri comunali Piernicola Teodoro e Massimiliano Pignoli di Scegli Pescara-Lista Teodoro.

Mentre a livello nazionale si continua a discutere della possibilità di introdurre un reddito minimo, i consiglieri tentano di anticipare i tempi proponendo di inserire la misura nel bilancio di previsione o con un emendamento.

“Siamo sempre stati attenti alle questioni del sociale – spiegano Teodoro e Pignoli in conferenza stampa - e vista la crisi, con l'assessorato competente rimasto un po' fermo in questo anno e mezzo, proponiamo l'attivazione di questa carta prepagata con una somma stanziata compresa tra i 50 e i 100mila euro da destinare al Pis, il pronto intervento sociale. Grazie a una convenzione con ipermercati e supermercati, la tessera, da distribuire alle famiglie meno abbienti, permetterà alle persone in difficoltà di fare la spesa con budget da 50 euro”.

Per evitare polemiche e sospetti, i due consiglieri precisano che le tessere saranno consegnate direttamente agli assistenti sociali, chiamati a verificare la situazione dei singoli richiedenti. Le carte prepagate consentiranno di disporre di 50 euro al mese, saranno ricaricabili e avranno durata annuale.

“Questo sarà anche un modo - concludono Teodoro e Pignoli - per eliminare le 'umilianti' file nelle parrocchie, alla Croce Rossa e nelle associazioni dedite alla distribuzione dei pacchi di generi alimentari”.