Michele Placido protagonista alla Notte Bianca del Classico. L'intervista: ‘I giovani sono il futuro’

3' di lettura 17/01/2016 - Splendida festa organizzata dalla Preside del Liceo Classico per far conoscere la scuola a tutta la cittadinanza: la Notte Bianca è partita alle 17.30 del 15 gennaio per chiudersi a tarda ora, alla presenza di centinaia di persone tra alunni, genitori, insegnanti e cittadini. (Testo di Maria Luisa ABATE - Foto e video di Michele RAHO)

L’iniziativa, volta ad aprire le porte del Liceo alla città e a far conoscere la struttura soprattutto agli alunni di terza media, è stata impreziosita da una vera e propria ‘Notte Bianca’, consona alle scelte e ai desideri dei ragazzi.

Ha partecipato all’evento anche la pittrice Anna Seccia, che ha organizzato un laboratorio artistico dove cimentarsi nell’arte pittorica. L’artista, che ha da poco inaugurato il ‘Global Art' a Montesilvano, ha proposto un laboratorio in cui si correlano e s’intersecano molte discipline, dalla pittura, al teatro e alla musica. In questo modo, molti ragazzi e adulti hanno provato la gioia di dipingere dando sfogo alla loro creatività.

Grande interesse ha suscitato la tavola rotonda a cui hanno partecipato professori, politici, avvocati e due studenti del liceo. All’incontro, coordinato da Daniela Senapa di Rai3, sono intervenuti Marinella Sclocco, assessore regionale alle Politiche Sociali, il professor Carmine Catenacci, insegnante di latino e greco presso l’Università di Chieti, la professoressa Giovanna Pruni, docente di pedagogia e psicologia presso l’Università di Chieti, il professor Gaetano Bonetta , Direttore di Scienze Filosofiche all’Università di Chieti, l’avvocato Marco Riario Sforza, l’archeologa Arcangela Santoro e due studenti del liceo.

La tavola rotonda è stata molto interessante, l’argomento trattato è stato relativo proprio al liceo classico e all’importanza di studi umanistici per la cultura e per affrontare la vita. Lo studente ha parlato della scelta che lo ha portato a questa scuola e di quanta disciplina e studio siano necessari per andare avanti, “ma gli studi classici - ha precisato - mi hanno fatto maturare e diventare più consapevole”. La studentessa ha invece parlato con competenza e passione del ruolo delle donne nella società e di diritti spesso messi in discussione.

Le domande rivolte agli altri presenti hanno avuto come tema conduttore gli studi e le materie che caratterizzano il liceo classico e di quanto questi siano importanti per la formazione degli allievi. L’incontro è stato chiuso dall’assessore Marinella Sclocco, che ha sottolineato la grande preparazione dei giovani, spesso più apprezzati all’estero che in Italia.

Dopo la tavola rotonda alcuni studenti si sono cimentati sul palco con musica, canto e danze. Alle 21 ha fatto il suo ingresso il personaggio più atteso della serata: Michele Placido. L’attore, accompagnato da tre musicisti, ha parlato di sé, della carriera e dei personaggi che ha incontrato nella sua vita artistica come Ennio Flaiano, i De Filippo e tanti altri.

Al termine della performance Placido ha accettato di farsi intervistare e alla domanda su che cosa abbia provato ad esibirsi in un liceo e a recitare versi classici a tanti ragazzi, ha risposto che “i giovani sono il nostro futuro, bisogna tutelarli e dare loro fiducia. L’emozione di avere una platea di questo tipo è stata tanta e veramente magnifica”.

L’intervista integrale è disponibile a questo link: https://www.youtube.com/watch?v=rtwRBndCQjg








Questo è un articolo pubblicato il 17-01-2016 alle 09:47 sul giornale del 18 gennaio 2016 - 511 letture

In questo articolo si parla di scuola, musica, cultura, spettacoli, studenti, pescara, formazione, michele placido, giacomo cuzzi, articolo, liceo classico d'annunzio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/asAn





logoEV