Super lavoro per la Polizia di Stato: 3 operazioni anticrimine, 5 arresti

polizia, arresto 1' di lettura 07/12/2015 - Sono ben 3 le operazioni anticrimine condotte nelle ultime ore dalla Polizia di Stato, che complessivamente hanno portato all’arresto di 5 persone, accusate a vario titolo di truffa ai danni di anziani, rapina e violenza sessuale.

La prima riguarda 3 fratelli di etnia rom residenti nel pescarese, indagati per concorso in furto in abitazione e sottoposti agli arresti domiciliari. Stando alla ricostruzione degli inquirenti, lo scorso 16 ottobre i 3 si sarebbero intrufolati nell’abitazione di una 87enne malata di Alzheimer, spacciandosi per addetti al controllo del gas. Qui, gli indagati hanno fatto razzia dei beni dell’anziana, portando via anche un anello del valore di circa 500 euro.

La seconda operazione vede al centro la rapina al terminal bus ai danni di un minorenne, avvenuta lo scorso 9 novembre. In questo caso a finire in manette è stato un marocchino di 27 anni: insieme a due complici, già arrestati in flagranza di reato, K.L. si sarebbe impossessato del cellulare di uno studente dopo averlo minacciato e percosso.

Infine, l’ultimo arresto riguarda un cittadino cileno di 33 anni, chiamato a rispondere di accuse pesantissime che vanno dalla rapina alla violenza sessuale. La presunta vittima è una prostituta rumena, finita nel mirino dell’uomo lo scorso luglio.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 07-12-2015 alle 18:04 sul giornale del 09 dicembre 2015 - 564 letture

In questo articolo si parla di cronaca, furti, polizia, arresto, pescara, violenza sessuale, rapine, vivere pescara, marco verri, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/arny





logoEV