‘Easy money Romania’, scatta il blitz dei Carabinieri: 9 arresti per associazione a delinquere

carabinieri generico 1' di lettura 04/12/2015 - E’ finita con l’arresto di 9 persone l’operazione 'Easy money Romania' dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Pescara, condotta nella notte tra il 2 e il 3 dicembre.

In esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa da Maria Carla Sacco, Gip del tribunale di Pescara, i militari hanno posto fine alla carriera criminale di 8 cittadini rumeni e un albanese, chiamati a rispondere di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti aggravati, ricettazione e al traffico di sostanze stupefacenti.

Come riferito dagli inquirenti in conferenza stampa, il gruppo era dedito al furto di casseforti ai danni di negozi, gioiellerie e abitazioni private. Numerose sono anche le sottrazioni di autovetture utilizzate per commettere i ‘colpi’, così come spicca anche l’accusa di traffico di stupefacenti introdotti dalla Puglia e destinati al ‘mercato’ abruzzese.

L’operazione, denominata Easy money Romania, è scattata qualche tempo fa a seguito di un furto presso una fabbrica di Scafa. Da qui è partita una intensa attività investigativa, che ha portato ad accertare qualcosa come 30 blitz criminali in diverse regioni italiane. Al termine delle indagini i 9 appartenenti al gruppo, tutti giovani di età compresa tra 21 e 35 anni, sono finiti in manette e attualmente attendono di essere ascoltati dal magistrato per l’interrogatorio di convalida.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 04-12-2015 alle 17:04 sul giornale del 05 dicembre 2015 - 450 letture

In questo articolo si parla di cronaca, furti, droga, carabinieri, pescara, spaccio, traffico di stupefacenti, vivere pescara, marco verri, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/ariR





logoEV