Controlli antiterrorismo in città: arrestato albanese

1' di lettura 01/12/2015 - A seguito dei terribili fatti di Parigi e del contestuale aggravamento della crisi internazionale dovuta a minacce di matrice fondamentalista, su disposizione del Ministero dell’Interno sono stati intensificati su tutto il territorio nazionale i servizi di controllo.

Anche a Pescara non è passata certo inosservata la presenza di posti di blocco nelle principali arterie cittadine, con attività di controllo straordinarie su automobilisti e persone sospette. Proprio nel corso di una di queste operazioni, nel pomeriggio di lunedì 30 novembre la Polizia di Stato ha fermato una Alfa Romeo 147 con a bordo un cittadino albanese.

Dai successivi accertamenti è emerso come l’uomo, un 31enne già colpito nel 2006 da un provvedimento di espulsione, risultasse privo di permesso di soggiorno. L’uomo, identificato come D. M., in quell’occasione dopo essere stato accompagnato alla frontiera fece rientro clandestinamente in Italia cambiando le proprie generalità.

Dopo le verifiche del caso, la Polizia lo ha tratto in arresto per la violazione delle normative sull’immigrazione. Su disposizione del pm di turno, il giovane è stato trattenuto in Questura ed è in attesa di essere sentito dai magistrati.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 01-12-2015 alle 16:42 sul giornale del 02 dicembre 2015 - 445 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, pescara, terrorismo, vivere pescara, polizia di pescara, marco verri, articolo, controlli antiterrorismo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aq9E