Roberto Straccia, clamorose rivelazioni a ‘Chi l’ha visto?’. Un pentito: ‘L’hanno ammazzato per errore’

1' di lettura 16/10/2015 - Roberto Straccia ucciso per errore da un ‘commando’ di killer calabresi: a svelare gli ultimi retroscena sul caso del giovane scomparso da Pescara il 14 dicembre 2011 (foto) e ritrovato morto due settimane dopo a Bari è 'Chi l’ha Visto?', la nota trasmissione di Rai3 condotta da Federica Sciarelli.

Durante la puntata andata in onda mercoledì scorso, il padre di Roberto ha rivelato che da circa 3 anni la Procura di Pescara avrebbe aperto una inchiesta, finora mai resa nota, per omicidio volontario.

Stando alla ricostruzione di Mario Straccia e dei legali che seguono il caso, tutto pareva fermo al primo fascicolo, archiviato da tempo. Tuttavia, per puro caso il padre dello sfortunato ragazzo qualche settimana fa ha scoperto che la Procura ha aperto una nuova indagine, in cui si ipotizza l’omicidio del giovane.

Tutto sarebbe nato da una intercettazione ambientale in carcere, seguita dalla testimonianza della parente di un pentito calabrese. In particolare, la testimonianza resa dalla donna alzerebbe il velo su una vicenda dai contorni oscuri. Secondo la compagna del pentito, Roberto sarebbe stato ucciso per errore da un commando di killer calabresi, che lo avrebbero scambiato per qualcun altro.

La scoperta di questo nuovo filone d’indagine ha scatenato la rabbia dei familiari dello studente marchigiano, all’epoca dei fatti iscritto alla facoltà di lingue dell’Università di Pescara. “Perché nessuno mi ha avvisato?”, si chiede il papà. “Non ho mai creduto all’ipotesi dell’incidente e tantomeno a quella del suicidio, come molti hanno detto. Ora però voglio andare fino in fondo, ho il diritto di sapere cosa c'è dietro la morte di mio figlio”.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 16-10-2015 alle 12:44 sul giornale del 17 ottobre 2015 - 555 letture

In questo articolo si parla di cronaca, omicidio, pescara, chi l'ha visto, rai 3, roberto straccia, vivere pescara, cronaca nera, marco verri, Federica Sciarelli, articolo, caso straccia, malavita organizzata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/apg4





logoEV