Renzi arriva dopo 18 mesi, accoglienza-shock degli abruzzesi: uova, scontri in piazza, cariche della Polizia e 3 feriti

2' di lettura 25/08/2015 - Matteo Renzi l’aveva promesso a Big Luciano giusto 12 mesi fa: ‘Presto sarò a L’Aquila’. Un anno dopo, e a 18 mesi esatti dal trionfale approdo a Palazzo Chigi, il premier ha deciso di onorare la promessa, concedendo agli abruzzesi una visita-lampo di circa un’ora.

L’accoglienza, però, non è stata delle migliori: tra le proteste dei comitati No Triv e dei precari della scuola, sin dalle prime ore del pomeriggio a L’Aquila si è scatenato il caos. Cortei non autorizzati, striscioni polemici e lancio di uova a parte, il bilancio degli scontri con la Polizia a pochi metri dalla sede del Comune parla chiaro, con 3 feriti, una poliziotta contusa e il primo degli appuntamenti del presidente del Consiglio cancellato dall’agenda.

Dopo gli annunci-shock che hanno caratterizzato le precedenti visite al Meeting di Rimini e a Pesaro (“Nel 2016 aboliremo tasi e imu per tutti gli italiani”), il premier è sbarcato in Abruzzo alle 17.30. Bruciato il primo passaggio in Municipio, Renzi si è presentato alla sede del Gran Sasso Science Institute, accolto all’esterno dai fischi dei comitati per la ricostruzione del capoluogo, a cui per l’occasione hanno dato man forte gli attivisti anti-petrolizzazione e gli insegnanti contrari alla ‘Buona Scuola’. Anche qui non è mancato il contatto fisico tra manifestanti e forze dell’ordine, che per riportare la calma hanno risposto con una carica.

Le prime parole di Renzi sono dedicate proprio a chi lo aveva accusato di ‘snobbare’ la città terremotata: “Sin da subito – chiarisce il premier – mi ero ripromesso di non mettere piede a L’Aquila finché la situazione non fosse chiarita: non ho nessuna intenzione di anteporre la spettacolarizzazione alla soluzione dei problemi. Per troppo tempo L’Aquila è stata sotto i riflettori, ma ora è il momento dei fatti”.

“I soldi per la ricostruzione ci sono – ha assicurato l’ex sindaco di Firenze – e tra meno di un anno tornerò per vedere i cantieri in centro storico”.

Chiuso l’intervento e respinte al mittente le polemiche affermazioni di un consigliere comunale, Renzi è filato dritto a Roma, lasciando senza risposte quanti attendevano qualche dichiarazione sugli altri ‘temi caldi’ della Regione, a partire dalle trivelle nel mare Adriatico. Con affettuosi saluti, tanto per gradire, ai manifestanti e alle centinaia di insegnanti che da mesi attendono risposte.






Questo è un articolo pubblicato il 25-08-2015 alle 21:02 sul giornale del 26 agosto 2015 - 628 letture

In questo articolo si parla di polizia, politica, proteste, Abruzzo, riforma della scuola, l'Aquila, renzi, matteo renzi, trivelle, Paolo di Toro Mammarella, articolo, ombrina mare, la buona scuola, petrolio abruzzo, no triv, no trivellazioni in Adriatico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ant7





logoEV