Immigrati, è scontro - Forza Italia fa il presidio, Alessandrini ironizza: ‘Ma quale invasione? Sono solo 101!’

2' di lettura 05/08/2015 - Monta alle stelle in città la polemica sull’arrivo di un nuovo gruppo di immigrati, destinati ad essere ospitati presso strutture alberghiere cittadine. E mentre Forza Italia ha alzato i toni dello scontro, organizzando un ‘presidio’ e minacciando di bloccare la discesa dei profughi dai bus, Marco Alessandrini replica fornendo cifre utili ad inquadrare in maniera più obiettiva il fenomeno.

“In questi giorni – spiega il sindaco - sugli organi di stampa sono apparse prese di posizione che annunciano un'emergenza migranti per la città di Pescara. In realtà – puntualizza - tali dichiarazioni sono strumentali e volte esclusivamente a titillare i più bassi istinti della popolazione, enfatizzando il sentimento della paura così diffuso nel nostro tempo”.

Secondo il Primo Cittadino i numeri raccontano un’altra storia: “Da febbraio 2014 – sottolinea - la città ha accolto complessivamente 374 migranti; oggi essi sono appena 101 e le previsioni di ulteriori arrivi fanno riferimento a 45 unità. Si tratta di forme cosiddette di seconda accoglienza, ovvero di presa in carico e integrazione sul territorio per quanti non sono di passaggio”.

“Il tutto dunque non rappresenta affatto un'emergenza – conclude Alessandrini - ma suggerisce a chi ha responsabilità di governo di fuggire da semplificazioni e di non mettere la testa sotto la sabbia: la necessità di costruire percorsi virtuosi, peraltro, è indispensabile per non regalare migliaia di disperati al lavoro nero e alla criminalità organizzata”.

Sull’altro fronte, Forza Italia ha dato seguito agli annunci dei giorni scorsi, presentando uno ‘sportello’ per “per informare i cittadini circa l'emergenza profughi che si sta profilando all’orizzonte anche per Pescara, ma soprattutto per raccogliere segnalazioni circa le problematiche già in atto”.

Riuniti a pochi passi dall’Hotel La Cascina nel quartiere San Donato, dove da qualche mese alloggiano alcuni immigrati, i consiglieri comunali di Forza Italia, guidati dal capogruppo in Consiglio regionale Lorenzo Sospiri, hanno raccolto le segnalazioni di alcuni residenti. “Abbiamo ascoltato le preoccupazioni sollevate dagli abitanti del quartiere per il continuo via vai di immigrati – si legge in una nota -, che si spostano tra l’Hotel La Cascina e il centro Caritas: un continuo gironzolare, di giorno e di notte, senza alcun controllo. E i cittadini hanno chiesto più pattuglie di Polizia, più controlli e addirittura un posto fisso delle Forze dell’Ordine per ripristinare quel senso di sicurezza che oggi comincia a mancare”.

“Pescara non ha la forza né gli strumenti per accogliere altri presunti profughi – attacca Sospiri, rilanciando la polemica dei giorni scorsi – e per i nuovi arrivi avremo la stessa reazione dei cittadini e dei consiglieri comunali di Roma, ossia impediremo loro fisicamente di scendere dal bus, impediremo che Pescara venga assediata, perché non è possibile continuare a consentire il business dei privati sugli immigrati”.






Questo è un articolo pubblicato il 05-08-2015 alle 18:26 sul giornale del 06 agosto 2015 - 717 letture

In questo articolo si parla di attualità, immigrati, forza italia, caritas, sociale, politica, clandestini, pescara, razzismo, Abruzzo, profughi, rifugiati, vivere pescara, lorenzo sospiri, marco alessandrini, forza italia abruzzo, articolo, marcello antonelli, sbarchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/amTz