SEI IN > VIVERE PESCARA > ATTUALITA'
articolo

Forza Italia apre presidio anti-profughi: ‘Sono falsi rifugiati, gli impediremo di scendere dai bus’

2' di lettura
803

Rifugiati
In vista dell’arrivo di un nuovo gruppo di immigrati, destinati ad essere ospitati presso alcune strutture di Pescara e provincia, Forza Italia apre ufficialmente un presidio per ‘informare la cittadinanza circa l’arrivo di un’altra ondata di presunti profughi’.

Lo ‘sportello’ sarà operativo martedì 4 agosto dalle 19 alle 20, quando alcuni esponenti del partito saranno a disposizione dei cittadini nell’area di parcheggio situata tra via San Donato e strada Colle San Donato. Il presidio si trova a pochi metri dall’Hotel La Cascina, struttura che già ospita 50 immigrati.

“Si tratta di un business di milioni di euro – spiega il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Lorenzo Sospiri -, che sta avvenendo nel silenzio più totale delle Istituzioni, sindaco Alessandrini in testa. Ai cittadini chiediamo di indirizzarci le proprie segnalazioni circa le inevitabili problematiche che si stanno verificando sul territorio”.

Affiancato dai consiglieri comunali Marcello Antonelli, Vincenzo D’Incecco e Fabrizio Rapposelli, Sospiri denuncia “la situazione di forte disagio e preoccupazione che si sta sollevando a Pescara: attualmente nella provincia stiamo già ospitando circa 400 presunti profughi, sparsi negli asili e nelle case di riposo di Caramanico, Città Sant’Angelo, Loreto, Penne, Popoli, Alanno, Manoppello, Rosciano, Catignano e nella stessa Pescara”.

In realtà, secondo Sospiri si tratterebbe solo di ‘presunti’ rifugiati, in quanto “per profugo si intende chi scappa da una zona di guerra o per persecuzioni religiose. Nel nostro caso è invece già verificato che la percentuale di effettivi profughi che arrivano è solo del 10-15 per cento”.

“Sino a oggi – prosegue il capogruppo - gli immigrati sono stati ospitati nel dormitorio della Caritas di via Alento, costruito con fondi pubblici per accogliere i senzatetto di Pescara, che invece oggi dormono di nuovo fuori dalla Stazione centrale, ogni notte, per terra, in mezzo alla strada. Il 17 luglio scorso è stato emesso e assegnato un nuovo bando per altre 164 persone destinate alle strutture della provincia e negli alberghi come l’Hotel La Cascina di Colle San Donato, ossia una struttura privata in pieno centro urbano, dove già ce ne sono 50”.

“Non è accettabile portare immigrati in una struttura non dedicata e senza personale specializzato – tuona Sospiri - e quindi per gli arrivi previsti all’Hotel avremo la stessa reazione dei cittadini e dei consiglieri comunali di Roma, ossia impediremo loro fisicamente di scendere dal bus, impediremo che Pescara venga assediata, perché non è possibile continuare a consentire questo business a esclusivo beneficio di privati”.



Rifugiati

Questo è un articolo pubblicato il 03-08-2015 alle 19:43 sul giornale del 04 agosto 2015 - 803 letture