SEI IN > VIVERE PESCARA > ECONOMIA
articolo

Saldi estivi, sondaggio di Confcommercio boccia il mercato: ‘Pochi progressi dal 2014’

2' di lettura
612

A dieci giorni dall’inizio dei saldi estivi, Confcommercio ha realizzato un sondaggio chiedendo agli operatori commerciali pescaresi un parere sull’andamento delle vendite di fine stagione.

Le opinioni degli intervistati sono in genere sulla stessa linea: se nei primissimi giorni si è registrata una discreta partenza, successivamente le vendite sono tornate alla normalità. In tal senso, nonostante non manchi la fiducia tra gli esercenti, non tutti si dicono certi di una possibile inversione di tendenza per il prossimo mese di agosto.

Passando ad una analisi più dettagliata dello studio, emerge come oltre il 50% degli intervistati registra lo stesso andamento delle vendite del 2014, mentre in un caso su quattro si parla addirittura di una contrazione superiore al 10%. Solo il 25% dei commercianti invece rileva un miglioramento, anche se decisamente limitato rispetto all’anno precedente.

“A dieci giorni dalla partenza posso affermare che le vendite a saldo sono ancora ferme – spiega Patrizia De Lutiis di Confort Calzature -, e anche il caldo di questi giorni non ci aiuta: molti clienti hanno difficoltà a venire in negozio per gli acquisti con queste temperature”.

“L’andamento delle vendite a saldo è come l’anno scorso – conferma Sergio Mazzaferro della Casa del Corredo -, diciamo che stiamo lavorando un pochino ma niente di eclatante. E’ un andamento variabile, dei giorni si lavora tanto e dei giorni nulla. Ovviamente sappiamo che ormai la gente compra solo l’indispensabile e solo con i prezzi scontati”.

E se da un lato c’è chi, come Paola Grannonico di Tesoro Mio Abbigliamento registra una flessione del 10% lamentando il fatto che la data dei saldi sia troppo anticipata, gran parte degli operatori attende con fiducia il mese di agosto: “Aspettiamo l’arrivo di turisti – spiegano i responsabili di Victor Shoes - che insieme ai pescaresi residenti fuori città potrebbero invertire la tendenza e riportare le vendite almeno ai livelli dell’anno scorso”.



Questo è un articolo pubblicato il 16-07-2015 alle 12:32 sul giornale del 17 luglio 2015 - 612 letture