Donna raggirata da Onlus, blitz dei Carabinieri in Regione: Politiche sociali nel mirino

1' di lettura 28/04/2015 - Tutto ha avuto inizio qualche mese fa, quando una donna ha scoperto per puro caso di essere stata nominata rappresentante legale di una associazione della provincia di Pescara, denunciando i fatti alla Procura della Repubblica. (foto d'archivio)

Da qui, l’apertura dell’inchiesta che ieri, lunedì 27 aprile, ha portato i Carabinieri a perquisire gli uffici dell’Assessorato regionale alle Politiche sociali nel capoluogo adriatico.

Stando alle prime informazioni, nel mirino degli inquirenti ci sarebbe una presunta truffa legata ai finanziamenti stanziati dalla Regione Abruzzo a beneficio di Onlus, cooperative ed associazioni di volontariato.

Nel corso del blitz, i militari hanno acquisito documenti relativi all’erogazione di fondi di cui risultano beneficiari alcuni enti abruzzesi. In attesa di conoscere gli sviluppi dell’indagine, tutto il materiale sequestrato è finito sul tavolo del magistrato incaricato.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 28-04-2015 alle 10:17 sul giornale del 29 aprile 2015 - 497 letture

In questo articolo si parla di cronaca, truffa, associazioni, politiche sociali, onlus, pescara, regione abruzzo, finanziamenti regionali, vivere pescara, marco verri, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aiGt





logoEV