Clamorosa denuncia delle famiglie dei disabili: ‘Politici senza cuore, abbandonati da Regione e Provincia’

3' di lettura 20/04/2015 - Riceviamo e pubblichiamo la lettera con cui le famiglie di un gruppo di portatori di handicap abruzzesi denunciano l’assenza del mondo politico rispetto al problema della disabilità. Oltre che dai genitori e dai rispettivi familiari disabili, la lettera è sottoscritta anche dagli operatori impegnati nei servizi di supporto.

Dal 2001, in seguito ad un costoso corso di formazione promosso dalla Lega del Filo d'Oro, diversi operatori hanno favorito il recupero di ragazzi diversamente abili, con deficit alla vista e in molti casi con minorazioni psicosensoriali e alla deambulazione. I ragazzi si sono affezionati alle operatrici, traendo dal servizio indubbi benefici, e queste ultime avevano un lavoro con regolare assunzione, in virtù degli stanziamenti finanziari della Legge 284/97. Ma tutto questo resta solo un ricordo dal momento che la Regione Abruzzo ha completamente disapplicato la Legge, lasciando sul lastrico gli operatori e nel più completo disorientamento le famiglie dei ragazzi.

Le famiglie non furono neppure preavvisate dell'interruzione del servizio e le vere vittime sono proprio loro: 15 disabili pluriminorati, in alcuni casi minorenni. "Non ci sono fondi", chiosano negli uffici di Regione Abruzzo e Provincia di Pescara. I genitori chiedono alle istituzioni chiarezza, serietà e il ripristino immediato del servizio socio educativo in tempi rapidi. L’attività si svolgeva in 6 ore settimanali nelle quali il personale qualificato è intervenuto in aiuto dei ragazzi e quindi delle famiglie, che in taluni casi seguono i propri figli 24 ore su 24.

"Siamo pronti a batterci per difendere la dignità dei nostri figli", dichiarano i genitori, "e chiediamo che ogni anno lo stanziamento delle risorse sia garantito senza sospensioni e proroghe. La domanda che rivolgiamo agli amministratori locali e regionali è la seguente: ma avete un cuore? Le vostre campagne elettorali sono piene di promesse, sempre disattese. Noi genitori siamo stanchi di chiedere l’elemosina per poter meglio accudire i nostri figli, di vedervi sempre trincerati dietro le vostre poltrone. Vi chiediamo con umiltà di fare un mea culpa con 15 minuti di vergogna, e poi fate qualcosa per noi! Siamo stanchi per le promesse che non hanno mai séguito, esausti di sentire le stesse parole sbrigative di sempre (non ci sono i fondi), irritati dalle chiacchiere politiche e dalla linguaggio burocratese. Non possiamo più attendere che qualcuno si ricordi delle nostre esigenze e ci sembra assurdo dover continuare ad implorare gli amministratori di soddisfare i diritti sacrosanti dei portatori di bisogno. Ciò che chiediamo da anni non sono privilegi e sprechi ma una seria attenzione di quella parte di governo che si chiama Welfare, senza la quale non sappiamo che nome dare al sistema nel quale viviamo come famiglie e su cui poggia il futuro dei nostri figli."

Queste sono le voci di 15 famiglie che non ce la fanno più a sopportare il modo in cui Regione Abruzzo e Provincia di Pescara gestiscono le necessità dei ragazzi portatori di handicap.


Sottoscrivono le famiglie e i rispettivi familiari disabili:

Famiglia DI ZACOMO
Assistito: GIOVANNI
Famiglia IODICE
Assistita: KATIA
Famiglia MASSAROTTI
Assistito: DOMENICO
Famiglia POSPYEYEV
Assistito: DENIS
Famiglia SCAMPONI
Assistita: FRANCESCA
Famiglia DI LORENZO
Assistito: EMANUELE
Famiglia CAMPLONE
Assistita: LIDIA
Famiglia MARCELLA
Assistito: MATTEO
Famiglia BASSO
Assistito: GIUSEPPE
Famiglia SALUZZI
Assistito: NICOLO'
Famiglia TORRIERI
Assistito: LUCA
Famiglia PACCHIONE
Assistita: ERICA
Famiglia DI SERIO
Assistito: ALESSIO

Assistenti impiegati nel servizio:

PIETRANGELO BRUNELLA
DE DOMINICIS ROSANNA
MANCO DANIELA
FUSTI MARIA PALMA
RENDA MARIA GRAZIA
SIEGA MARIO
MARCELLA MARIA TERESA






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2015 alle 10:57 sul giornale del 21 aprile 2015 - 849 letture

In questo articolo si parla di disabili, attualità, politica, handicap, pescara, disabilità, Abruzzo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aija





logoEV