Social network, un pericolo per i giovani?

1' di lettura 17/04/2015 - La passione per i social network dilaga sempre più, soprattutto tra i giovani, sollevando diverse questioni rispetto alle insidie della rete verso le fasce della popolazione più a rischio. (foto d'archivio)

Il Comune di Pianella e la Società cooperativa sociale New Aid, in collaborazione con la Polizia postale di Stato e l’agenzia Mediaplus, hanno organizzato il Convegno “Social Mania - I pericoli per i giovani”, dedicato al tema dell’influenza psicologica dei social network sui minori e all’importanza della comunicazione per garantire ai genitori una conoscenza adeguata.

“L’evento – spiegano gli organizzatori – nasce come strumento di sensibilizzazione in seguito ai recenti e raccapriccianti episodi di pedofilia online e cyber bullismo, che hanno causato violenze fisiche e il suicidio di alcuni adolescenti”.

Secondo una ricerca condotta dal portale Skuola.net, su un campione di 10.000 studenti tra i 12 e i 17 anni solo 1 ragazzo su 5 afferma che i social hanno un ruolo marginale nelle relazioni sociali. “Si tenta di mettere in guardia i più giovani e le famiglie dai rischi derivanti da un utilizzo improprio di tali strumenti”, commenta l’assessore all’Innovazione Davide Berardinucci.

L’incontro si terrà venerdì 24 aprile presso la sala Consiliare del Comune di Pianella. Interverranno Gian Mauro Placido (Rappresentante del Compartimento Polizia postale e delle Comunicazioni Abruzzo di Pescara), la psicoterapeuta Antonella De Massis, Nicola Lanzolla (Esperto Internet e Social Networks CISCO Systems) e Antonio Cilli, docente presso l'Università D'Annunzio di Pescara. Proprio il professor Cilli, in qualità di esperto in reati informatici, fornirà consigli e strumenti di contrasto al cyber bullismo.

A fondo pagina è disponibile la locandina del convegno.












logoEV
logoEV