Calcio: Pescara inarrestabile nella tana della capolista, Carpi steso 2-1

2' di lettura 15/03/2015 - L’umiliante 5-0 subito in casa all’andata è un ricordo lontano, lontanissimo. Il Pescara di oggi è un’altra squadra e non guarda in faccia nemmeno la dominatrice del campionato, rifilando agli emiliani un 2-1 a domicilio che poteva essere molto più pesante. (foto da pescaracalcio.com)

A dare una marcia in più alla squadra di Marco Baroni, oltre al solito Sansovini (foto) e a Birkir Bjarnason, autori delle due marcature, sono soprattutto Zampano e Melchiorri, che regalano una domenica da incubo alla difesa meno perforata del torneo.

Costretto a fare i conti con una lunga lista di indisponibili, il mister arretra Zuparic in difesa lasciando le chiavi del centrocampo alla coppia Brugman-Memushaj.

L’avvio di gara è sconcertante, con Zuparic che spiana la strada al lanciatissimo Inglese: completamente solo davanti a Fiorillo, l’attaccante emiliano riesce a sbagliare il più clamoroso dei gol. La prima frazione va avanti con continui rovesciamenti di fronte e occasioni per Sansovini e Melchiorri, in rovesciata. I fuochi d’artificio però arrivano nella ripresa: dopo una manciata di minuti Marco Sansovini finalizza una grandissima discesa di Zampano, regalando il vantaggio agli ospiti (7’ st) e violando la porta di Gabriel dopo 678 minuti di imbattibilità. Mentre il Carpi tenta di riorganizzarsi alzando il ritmo il Pescara colpisce ancora: in questo caso la rete porta la firma dell’islandese Bjarnason, abile a risolvere di testa una mischia innescata da una punizione di Politano (19’ st). E quando tutti attendono la reazione della capolista, il Delfino, orfano dei suoi tifosi, regala spettacolo e giocate d’alta scuola, con Zampano e Melchiorri a tratti incontenibili. Al novantesimo Pasquato riesce a far peggio di Inglese, sparando fuori la palla del 3-0 a 10 centimetri dalla linea bianca.

A tempo abbondantemente scaduto il Carpi dimezza lo svantaggio con Sabbione (48’ st), ma ormai è troppo tardi: il 5-0 dell’andata appartiene a un’altra vita, questo Pescara può puntare davvero in alto.


Il tabellino del match:

Carpi-Pescara: 1-2

CARPI: Gabriel, Letizia, Poli, Gagliolo, Inglese, Di Gaudio, Struna (35'st Sabbione) , Porcari, Pasciuti (15'st Lasagna), Lollo, Molina (31'st Gatto). A disp: Maurantonio, Modolo, Pugliese, Palmieri, Laner, Pasini. All. Castori
PESCARA: Fiorillo; Zampano, Salamon, Zuparic, Rossi; Politano (21'st Gessa), Memushaj, Brugman, Bjarnason; Melchiorri (47'st' Pettinari), Sansovini (31'st Pasquato). A disp.: Aresti, Pucino, Fornasier, Caprari, Abecasis, Paolucci. All. Baroni

Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce
Reti: 7'st Sansovini, 19'st Bjarnason, 48'st Sabbione






Questo è un articolo pubblicato il 15-03-2015 alle 10:09 sul giornale del 16 marzo 2015 - 686 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, pescara, serie B, federico melchiorri, Paolo di Toro Mammarella, pescara calcio, marco baroni, carpi, marco sansovini, gaston brugman, articolo, carpi calcio, birkir bjarnason, ledian memushaj

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/agLa





logoEV