Multa al Questore, il Comandante Maggitti querela ‘Le Iene’

1' di lettura 19/02/2015 - Nuovo colpo di scena sul caso della multa ‘fantasma’ comminata nel 2011 al Questore di Pescara Paolo Passamonti e finita al centro di un servizio de ‘Le Iene’, la nota trasmissione televisiva di Italia 1. Il servizio, andato in onda mercoledì 19 novembre, aveva ricostruito tutti i passaggi della vicenda, partendo dalla multa alla Mercedes del Questore in pieno centro, con successiva rimozione del mezzo da parte della Polizia Municipale.

Dopo l’apertura di un procedimento a carico dell’agente Angelo Volpe, finito in tribunale con l'accusa di violazione di atti d’ufficio per aver denunciato la ‘scomparsa’ della multa dagli archivi del Comando, il Comandante della Polizia Municipale di Pescara Carlo Maggitti ha deciso di querelare il programma televisivo, contestando la versione fornita dagli autori del servizio. In sostanza, Maggitti ritiene di essere stato diffamato da ‘Le Iene’ e ha chiesto il sequestro della registrazione video, che include l’intervista ai vigili coinvolti nel caso.

Come si ricorderà, l’inviato Matteo Viviani aveva intervistato tutti i protagonisti della vicenda, e se da un lato Passamonti aveva ribadito la propria estraneità ai fatti, sottolineando di aver sempre pagato le multe ricevute per infrazioni simili, grande spazio è stato riservato ai vigili che rimossero il mezzo, che hanno evidenziato come la restituzione dell'auto sarebbe stata disposta proprio dal Comandante. Maggitti, al microfono di Viviani, ha invece smentito i suoi agenti, sostenendo di non aver dato alcun ordine e sottolineando la correttezza dell’intera procedura.










logoEV