Classifica Comuni spendaccioni, Pescara prima in Italia per ‘sistemazione del suolo’. Il M5S: ‘11mln? Una follia’

2' di lettura 20/01/2015 - Fanno discutere i risultati di una ricerca realizzata da Matteo Flora, fondatore di The Fool, società specializzata nella 'Reputazione Online'. Nel suo studio, Flora ha passato in rassegna i bilanci dei Comuni italiani nel 2014, pubblicando online tutti i risultati.

Stando a quanto riportato sul sito http://soldipubblici.thefool.it, in riferimento al rapporto tra uscite complessive e numero di abitanti, Pescara risulta tra i Comuni meno virtuosi, con una spesa pro-capite pari a 2.056 euro. Sulla base dei dati forniti da The Fool, l’amministrazione comunale nel 2014 avrebbe speso in tutto 240.777.921 euro, a fronte di un ‘bacino d’utenza’ pari a 117.091 abitanti.

Andando a spulciare l’elenco delle spese, si scopre come circa 11 milioni di euro siano stati destinati ad opere per la sistemazione del suolo, e proprio su questa voce si sono concentrate le critiche più feroci. Il dato, tra l’altro, colloca il capoluogo adriatico al vertice della classifica nazionale, anche se la distanza rispetto alla seconda (Brescia) e la terza (Venezia) è impressionante. I due Comuni che occupano i gradini più bassi del podio, infatti, oltre ad avere una popolazione molto più ampia rispetto a quella di Pescara, registrano spese nettamente inferiori, con il dato che si attesta per entrambi intorno ai 7 milioni di euro (link classifica).

“Pescara avrebbe speso più di tutti i Comuni per strade e fogne – tuona Gianluca Vacca, deputato del Movimento 5 Stelle -, ben 11 milioni di euro! La domanda sorge spontanea: dove sono finiti tutti questi soldi?” “Abbiamo strade piene di buche e fossi – prosegue il parlamentare pescarese -, marciapiedi abbandonati, tombini che saltano ad ogni goccia di pioggia. Com'è possibile che Pescara abbia speso tutti questi soldi, più di città ben più grandi, e sia nel totale degrado?”

Secondo Vacca, bisognerebbe chiedere spiegazioni a coloro che hanno amministrato la città negli ultimi anni. In particolare, Vacca chiama in causa l’ex sindaco Luigi Albore Mascia e il Primo Cittadino Marco Alessandrini (nella foto), unitamente al Presidente della Regione, Luciano D’Alfonso: “Gradiremmo una spiegazione, qualcosa non torna...”






Questo è un articolo pubblicato il 20-01-2015 alle 11:45 sul giornale del 21 gennaio 2015 - 1415 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, pescara, matteo flora, Paolo di Toro Mammarella, Comune di Pescara, Luigi Albore Mascia, luciano d'alfonso, comuni italiani, marco alessandrini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aeeG





logoEV