SEI IN > VIVERE PESCARA > CRONACA
articolo

Alcol a fiumi su Riviera e Strada Parco, l’assessore estende i controlli. I residenti: ‘Falso, vandali liberi di fare ciò che vogliono’

3' di lettura
902

Proprio quando l’assessore responsabile della Sicurezza, Adelchi Sulpizio, annuncia ‘controlli rigorosissimi sulla Riviera’, riceviamo nuove segnalazioni da parte di alcuni residenti che evidenziano una totale mancanza di vigilanza su alcune zone della Strada Parco, della stessa Riviera nord e della rotonda Paolucci.

L’ultimo episodio è avvenuto proprio ieri. “Sul tratto di Strada Parco compreso tra via Gioberti e via Cavour – riferisce una giovane madre - la solita banda di adolescenti ha liberamente festeggiato dalla mezzanotte fino alle 3 del mattino, a suon di canne e superalcolici, lasciando in giro un tappeto di bottiglie e vetri rotti, raccolti stamane dagli operatori di Attiva”.

Stando alle numerose segnalazioni, a quanto pare il gruppo era composto da una decina di ragazzini che frequentano i locali della zona e che, in barba alle leggi sul consumo di alcol per i minorenni, fanno libero uso di bevande ‘proibite’ sulle panchine della Strada Parco. E’ singolare il fatto che gli stessi, a quanto pare, non fanno nulla per passare inosservati, cantando e gridando a tutto volume fino a tarda notte.

“Ieri – prosegue una signora che abita al primo piano di una palazzina all’incrocio con via Cavour – non c’è stato nessun controllo, la banda è andata avanti e dietro per ore, gridando e sporcando ovunque. Ho visto bottiglie di superalcolici, lattine di birra e ragazzi che orinavano sui cespugli, in mezzo alla strada”.

E dire che la zona, soprattutto in estate, è molto frequentata anche da famiglie e bambini, per non parlare delle numerose abitazioni che affacciano sulla pista ciclopedonale.

“Ormai siamo abituati – spiega un residente di via Gioberti – da almeno due mesi da giovedì a sabato è sempre la stessa storia… Ma ci chiediamo, chi è che permette a minorenni di comprare bottiglie di superalcolici e di consumarle liberamente in quel modo, in mezzo alla strada? Dove sono questi controlli? E da quando è possibile fumare canne liberamente?”

E dire che proprio oggi il Comune ha diffuso una nota in cui, oltre ai controlli sullo stato di ebbrezza dei conducenti di veicoli, si evidenziava l’azione di prevenzione di un ‘bottelòn’ in programma sulla Riviera, che poi, secondo il comunicato, “non si è verificato grazie alla presenza degli agenti”. In strada, sempre secondo quanto riferito dal Comune, la notte scorsa operavano 2 pattuglie di motociclisti e l’ufficio mobile con 4 operatori, “che si sposta da una zona all’altra, con preferenza sulla Riviera”.

Uno sforzo lodevole, anche se giriamo volentieri all’assessore Sulpizio il quesito di un altro residente arrabbiato: “Controlli? Chiedete a chi si è divertito per ore ieri sera sulla Strada Parco... E come mai nessuno si prende mai la briga di controllare quei locali che consentono ai minorenni di acquistare e consumare alcolici? Eppure non sarebbe certo difficile individuarli… basta fare un giro alla rotonda Paolucci, dove non mancano droghe leggere consumate alla luce del sole e adolescenti ubriachi che si trascinano fino all’alba”.



Questo è un articolo pubblicato il 29-08-2014 alle 18:17 sul giornale del 30 agosto 2014 - 902 letture