Maestra scomparsa, nessuna traccia. Procura: ‘Allontanamento volontario, no indagine’

2' di lettura 01/04/2014 - Proseguono a tappeto le ricerche di Eleonora Gizzi, la maestra di 34 anni di cui non si hanno più notizie dallo scorso 28 marzo. Le ricerche della donna, che stava trascorrendo un periodo di riposo a casa dei genitori a Vasto, sono state estese fino a Pescara, dove Eleonora viveva e lavorava.

Oltre alle forze dell’ordine, alle ricerche partecipano anche dei gruppi di volontari della Protezione Civile, mentre nelle prossime ore è atteso l’arrivo dell’unità cinofila della Polizia di Stato. Stando ad alcune indiscrezioni provenienti proprio dal Commissariato di Vasto, a quanto pare non sarebbe la prima volta che Eleonora Gizzi si allontana da casa, lasciando cellulare ed effetti personali, senza dare notizie di sé. Un elemento, questo, che ha portato ad escludere altre piste rispetto all’allontanamento volontario. Un precedente significativo, al punto che la Procura ha deciso di non aprire ufficialmente alcuna indagine.

Le attività di ricerca, coordinate dal vice questore di Vasto Cesare Ciammaichella, proseguono incessanti: l’utilizzo dei cani 'molecolari', in particolare, potrebbe essere utile per ripercorrere gli ultimi movimenti dell’educatrice, la cui presenza è stata segnalata l’ultima volta intorno a mezzogiorno di venerdì, nel quartiere San Michele. La telecamera di una concessionaria presente in quella zona ha registrato il passaggio della donna alle 11.29, proprio di fronte all’abitazione dei genitori, dove Eleonora era ospite da qualche giorno .

Eleonora Gizzi risiede a Pescara e lavora presso l’asilo nido ‘La Mimosa’. Alcuni amici riferiscono che stava attraversando un momento complicato, mentre sulla sua pagina facebook è comparso l’accorato appello del padre Italo: ‘Non pensare a niente e torna qui da noi, ti aspettiamo a braccia aperte. Noi ti vogliamo bene, e insieme risolveremo tutti i problemi”.

Chiunque fosse in possesso di informazioni utili a rintracciare Eleonora, è invitato a contattare con urgenza il 112 o il 113.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 01-04-2014 alle 15:53 sul giornale del 02 aprile 2014 - 1140 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pescara, chi l'ha visto, vasto, vivere pescara, marco verri, eleonora gizzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/1OT