Un nuovo sportello di Formedil e Provincia per favorire l'occupazione e la formazione

3' di lettura 25/09/2013 - Provincia di Pescara e Formedil fianco a fianco per favorire formazione e occupazione nel settore dell'edilizia, che vive un momento di crisi drammatica. Grazie alla collaborazione tra le due realtà è stato attivato un nuovo sportello, sia fisico che virtuale, a disposizione di chi cerca e offre lavoro nel mondo delle costruzioni e in particolare degli addetti in mobilità, in cassa integrazione o disoccupati.

Il servizio, denominato Borsa lavoro edile nazionale (BLEN.IT), è promosso dal Formedil in tutta la penisola. “La Provincia di Pescara si contraddistingue sul territorio regionale, essendo la prima in Abruzzo ad aderire”, hanno messo in evidenza con soddisfazione il presidente Guerino Testa e l'assessore alle Politiche del Lavoro Antonio Martorella, ricordando inoltre che “altri sportelli sono stati attivati dalla Provincia in passato - ad esempio nella sede di Confindustria Pescara - per andare incontro alle esigenze del mondo del lavoro. Questo nuovo servizio nasce in un periodo di difficoltà estrema per l'edilizia, e proprio conoscendo la situazione pensiamo di poter dare il nostro contributo”.

“Con questa iniziativa, poi, il servizio di preselezione attivo nei Centri per l'impiego viene ulteriormente arricchito e la Provincia di Pescara avrà la possibilità di fare qualcosa di attivo per i lavoratori in difficoltà”, ha commentato il dirigente Tommaso Di Rino. Il progetto BLEN.IT consente l'incrocio delle informazioni disponibili sulle banche dati di Provincia e Formedil Pescara e questo permette di dare una chance in più di incrocio tra domanda e offerta di lavoro. Accedendo al sito www.blen.it o raggiungendo lo sportello fisico, addetti e imprese hanno accesso a una serie di informazioni che riguardano sia la formazione che il lavoro e possono beneficiare di assistenza.

“Certo - ha spiegato Roberto Chiola, presidente di Formedil Pescara - la Borsa lavoro non risolve i problemi occupazionali del settore ma riavvicina in modo veloce operai e aziende”. Proprio Chiola ha fornito gli ultimi dati sull'edilizia che descrivono “una situazione tragica: tra il maggio 2012 e il maggio 2013, rispetto al maggio 2011 - maggio 2012, le ore di cassa integrazione nel pescarese sono aumentate del 47 per cento, gli operai sono il 30 per cento in meno, le imprese il 20 per cento in meno e la massa salari è scesa del 37 per cento”. “L'utilità di questo strumento - sottolinea Massimo Di Giovanni, vice presidente di Formedil - è legata al fatto che restituisce fiducia al lavoratore, non lo fa sentire perso, e gli offre la possibilità, ad esempio, di seguire dei corsi e acquisire professionalità, seguendo percorsi indicati da Formedil”.

“In remoto, da casa, chiunque può collegarsi al sito - ha evidenziato il direttore di Formedil, Vittorio Gervasi -, ma c'è anche uno sportello fisico dove si può usufruire della collaborazione di esperti di orientamento al lavoro, sia presso la sede di Formedil Pescara in via Prati 29 che presso la Provinciacol Servizio preselezione attivo in via Passolanciano 75”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-09-2013 alle 11:12 sul giornale del 26 settembre 2013 - 511 letture

In questo articolo si parla di lavoro, economia, edilizia, disoccupazione, pescara, crisi, crisi edilizia, provincia di pescara, antonio martorella, guerino testa, formedil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Sc0