Allarme meningite, conoscere la malattia e difendersi: ecco cosa fare

14/12/2016 - Dopo i recenti casi di meningite in Lombardia e Toscana sono aumentate vertiginosamente le richieste di vaccinazione contro questa temibile malattia. Per questo motivo la ASL di Pescara ha deciso di andare incontro ai cittadini che richiedono la vaccinazione, prevedendo due sedute straordinarie pomeridiane presso l’ambulatorio ‘vaccinal’, sito in via Renato Paolini n. 46.

La visita, esclusivamente su prenotazione, può essere effettuata nei giorni:

19-12-2016         dalle ore 14.30 alle ore 18.00    
28-12-2016         dalle ore 14.30 alle ore 18.00    .

La prenotazione può essere effettuata telefonando al numero 085.4253969 nei giorni di martedi e giovedi dalle ore 14.30 alle ore 16.30. Dopo le festività natalizie verranno comunicate altre sedute straordinarie.

A seguire riportiamo una scheda informativa con tutte le informazioni sulla malattia,  sui vaccini a disposizione e i relativi costi. 

1. CHE COS’È LA MENINGITE MENINGOCOCCICA ?
La meningite è un'infezione delle meningi, le membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale, e può essere provocata da batteri, virus, sostanze chimiche o agenti fisici. La MENINGITE MENINGOCOCCICA è provocata da un batterio (Neisseria Meningitidis), detto semplicemente  meningococco. Può colpire a qualunque età, ma è più diffusa sotto i cinque anni e in particolare nei bambini con meno di un anno di età, e negli adolescenti  tra i 12 e i 21 anni. Non è  una  malattia molto diffusa, ma  si tratta di un’infezione severa, con una rapida evoluzione, con una mortalità del 10-15% (dovuta in genere a sepsi o setticemia), e con un rischio dell’11-19% di complicanze serie, come ritardo mentale, malattie del sistema nervoso, sordità, disturbi della sfera psico-affettiva. È possibile una terapia con antibiotici, ma, perché sia efficace, è essenziale la tempestività della diagnosi, che non sempre si riesce a fare;   ci sono casi che vanno incontro a esiti negativi anche se la terapia viene iniziata prontamente.

2. QUANTI TIPI DI MENINGITE  MENINGOCOCCICA CI SONO ?
Esistono vari gruppi o sierotipi di meningococchi, ma solo 5, cioè A, B, C, W135 e Y, sono responsabili della malattia meningococcica invasiva. I sierotipi che circolano più di frequente in Italia e in Europa sono B e C, mentre in Asia e Africa è più diffuso il tipo A e negli Stati Uniti si trovano anche W135 e Y.

3. I VACCINI ATTUALMENTE A DISPOSIZIONE
Il vaccino rappresenta l’unica arma di prevenzione efficace per evitare la meningite. Contro la meningite da meningococco sono disponibili tre vaccini:
 anti-meningococco B,
 anti-meningococco C
 tetravalente  contro i sierotipi A,C,W135,Y.

IL VACCINO CONTRO IL MENINGOCOCCO B (MENB) È stato autorizzato solo nel 2013, per questo non era incluso nel Piano Vaccinale 2012-2014.   Il vaccino protegge contro quasi il 90 per cento dei ceppi di meningococco B e si può fare a partire dai 2 mesi di vita. Il numero di dosi da somministrare varia a seconda dell'età in cui si comincia la somministrazione. Non si hanno ancora dati certi sulla durata della protezione. Al momento  nella nostra Regione è sottoposto a pagamento di ticket (Euro 81,30) e viene effettuata con prenotazione.

IL VACCINO CONTRO IL MENINGOCOCCO C (MENC) Disponibile già da parecchi anni, è inserito tra le vaccinazioni raccomandate dal Piano Nazionale per la Prevenzione Vaccinale ed, essendo stato introdotto nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), è gratuito dopo il primo anno di vita per i nati dal 2011 in poi e per gli adolescenti da 11 a 18 anni (come da calendario vaccinale vigente). A pagamento con ticket (Euro 16,50) per tutti gli altri. E’ proposto in dose unica e viene effettuato con prenotazione. La vaccinazione ha consentito  di avere una significativa riduzione dei casi di meningite C nei bambini di età  inferiore ai 5 anni di vita.

IL VACCINO TETRAVALENTE  A,C,W135,Y (MCV4) Disponibile da poco tempo e non inserito nel calendario vaccinale 2012-2014, il vaccino tetravalente  coniugato antimeningococco A,C,W135,Y   è stato finora raccomandato in Italia prevalentemente  ai viaggiatori che si recano in paesi dove sono presenti tali sierotipi di meningococco e a coloro che desiderano una protezione maggiore, tenendo presenti le frequenti opportunità di spostamento legate alla globalizzazione. Il vaccino non è gratuito, ma viene offerto con un ticket (Euro 50) ed è effettuato con prenotazione. 

4. I POSSIBILI EFFETTI COLLATERALI DEI VACCINI CONTRO LA MENINGITE ?
Gli effetti indesiderati più comuni dei vaccini contro la meningite sono rossore, gonfiore e dolore nel sito di iniezione, che durano 1-2 giorni. Le reazioni sistemiche sono più rare e comprendono febbre lieve,  sonnolenza, mal di testa, nausea e malessere generale, che si risolvono in 2-3 giorni. Per il vaccino contro il meningococco B  c’è un maggiore riscontro di febbre, che si verifica nel 70-80% circa dei casi, soprattutto se il vaccino viene fatto in concomitanza con altri. Come per qualsiasi altra vaccinazione, anche i vaccini contro il meningococco possono causare reazioni allergiche di varia entità, sebbene si tratti di situazioni estremamente rare.

La prenotazione della vaccinazione può essere effettuata telefonando al numero 0854253959 (lun-ven h 11.30-13).

 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-12-2016 alle 13:40 sul giornale del 15 dicembre 2016 - 893 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, salute, pescara, prevenzione, meningite, malattie, ospedale di pescara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aEDf