Rivoluzione per la sanità abruzzese: addio file alla Asl, si fa tutto in farmacia

Farmacia generica 1' di lettura 03/10/2016 - Addio alle file snervanti, alle trasferte e ai disagi: a partire dal 2017 in Abruzzo saranno istituiti i servizi ‘Farmacup’ e ‘Dpc’ (acronimo che indica la distribuzione dei farmaci in nome e per conto), che promettono significativi vantaggi per i cittadini.

In cima alla lista di questa vera e propria rivoluzione della sanità abruzzese troviamo il Farmacup: tutti gli utenti a cui è stata prescritta dal medico di base una prestazione specialistica, potranno recarsi in una delle farmacie convenzionate non solo per prenotare la visita, ma anche per pagare il ticket, evitando spostamenti e lunghe file nei Cup ospedalieri o nei distretti sanitari di base.

Non meno importante è l’istituzione del Dpc, che riguarda la distribuzione diretta di particolari medicinali, finora dispensati solo dalle farmacie ospedaliere, attraverso la rete delle farmacie territoriali. L'attivazione è stata possibile grazie a un accordo sottoscritto tra la Regione Abruzzo, Federfarma e Assofarm.

"Si tratta di un ulteriore passo avanti nel potenziamento della medicina territoriale - spiega l'assessore alla Sanità Silvio Paolucci -, che rappresenta il pilastro della nuova governance. L'Abruzzo, fino a oggi, era l'unica Regione italiana a non aver stipulato intese con le organizzazioni di categoria per questo tipo di servizi, previsti da una legge nazionale del 2001. Ora anche questo gap è stato colmato e siamo certi che i benefici per i cittadini saranno evidenti, soprattutto per coloro che vivono lontani dalle grandi aree urbane".






Questo è un articolo pubblicato il 03-10-2016 alle 10:55 sul giornale del 04 ottobre 2016 - 1156 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, pescara, farmacia, Abruzzo, regione abruzzo, vivere pescara, silvio paolucci, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBRl