Bando in ritardo, i bambini restano senza il nonno-vigile. Cerolini (FI): ‘Genitori arrabbiati, sindaco incompetente’

14/09/2016 - Una nuova tegola, l’ennesima, si abbatte sul sindaco Marco Alessandrini. In questo caso l’attacco giunge dal coordinatore cittadino di Forza Italia, Guido Cerolini Forlini, che ha puntato il dito contro il mancato impiego dei nonni-vigilantes di fronte alle scuole.

“Le scuole elementari di Pescara hanno riaperto i battenti – spiega Cerolini - ma i nonni-vigilantes non ci sono: ben 8 Istituti a oggi sono rimasti scoperti, ovvero senza la presenza dei pensionati che ogni anno prestano servizio dinanzi ai plessi per aiutare i bambini ad attraversare le strade negli orari di ingresso e di uscita”.

Ma se i nonni sono spariti la colpa non è certo di questi veri e propri ‘angeli della strada’, che aiutano i più piccoli ad entrare in tutta sicurezza in classe, rendendo tra l’altro un grande aiuto ai genitori. “La responsabilità – sbotta l’esponente di FI - è del vergognoso ritardo con cui è avvenuta la pubblicazione del bando per il reperimento del personale, arrivato solo il 29 agosto e chiuso il 12 settembre, ossia quando tutti i bambini erano già tornati in aula. Una grave e colpevole inadempienza da parte del sindaco Alessandrini che, ancora una volta, ha dimostrato di non essere in grado di ottemperare neanche alle esigenze minime del territorio”.

“Nonostante il calendario di riapertura fosse noto da tempo – conclude Cerolini - la Giunta Alessandrini è riuscita ancora una volta a farsi beccare in contropiede e a fallire il suo obiettivo, ovvero garantire servizi al cittadino”.





Questo è un articolo pubblicato il 14-09-2016 alle 13:23 sul giornale del 15 settembre 2016 - 405 letture

In questo articolo si parla di attualità, bambini, politica, studenti, pescara, scuole, vivere pescara, guido cerolini forlini, marco alessandrini, forza italia pescara, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBaS