Bandiere Blu, tracollo abruzzese: solo 6 riconoscimenti, Pescara sempre a zero

1' di lettura 11/05/2016 - 152 Comuni e 293 spiagge premiate: sono questi i numeri del 2016 della Federazione per l’educazione ambientale (Fee Italia), l’organizzazione che annualmente assegna alle regioni italiane le ‘Bandiere Blu’.

Nonostante i dati siano in crescita in tutto il Paese (+13 per le spiagge e + 5 per i Comuni), bruttissime notizie arrivano invece dall’Abruzzo, che continua nell’inarrestabile corsa al ribasso intrapresa da qualche anno: dopo le 14 ‘bandiere’ ottenute nel 2013, scese a 10 nel 2014 e a 8 l’anno successivo, nel 2016 i cosiddetti ‘Oscar del mare’ sono appena 6.

Stando ai parametri adottati da Fee Italia per valutare le spiagge, che tengono conto soprattutto della pulizia delle acque e della qualità dei servizi, l’ormai ex regione verde d’Europa lascia sul campo ben tre bandiere, tutte situate in provincia di Chieti, tra cui Francavilla al Mare, consolandosi con l’ingresso di Silvi Marina. Resta ovviamente ancora a secco la provincia di Pescara, mentre su scala nazionale il primo posto è appannaggio della Liguria, con ben 25 riconoscimenti, seguita da Toscana (19) e Marche (17).

Riportiamo a seguire l’elenco delle località abruzzesi premiate:

Tortoreto (Spiaggia del Sole), Silvi Marina (Lungomare centrale e Arenile sud), Pineto (Lungomare dei Pini e Pineta Catucci), Fossacesia, Vasto e San Salvo Marina (zona Fosso Molino).


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 11-05-2016 alle 12:44 sul giornale del 12 maggio 2016 - 970 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, bandiera blu, mare, pescara, mare adriatico, Abruzzo, liguria, vivere pescara, marco verri, articolo, bandiera blu 2016

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awNL