Il parco Florida è ancora ‘centrale dello spaccio’, arrestato 28enne. Un residente: ‘Traffico a tutte le ore’

1' di lettura 30/03/2016 - Da tempo non si parlava più del parco Florida (foto), area verde situata nel pieno centro cittadino, a due passi da piazza Salotto. Il parco, per anni meta preferita di spacciatori e tossicodipendenti, è risorto a nuova vita dopo i lavori di riqualificazione voluti dall’attuale presidente della Regione Abruzzo quando era alla guida dell’amministrazione pescarese.

Stando alle segnalazioni di diversi residenti dei palazzi limitrofi, però, il Florida non avrebbe mai smesso di attirare personaggi poco raccomandabili.

La conferma arriva dall’ultima operazione condotta dalla Polizia di Stato, che nella mattinata di ieri, martedì 29 marzo, ha arrestato un 28enne marocchino, pluripregiudicato, per spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane, colto in flagranza di reato, è stato bloccato con circa 12 grammi di hashish nascosti nella giacca ed è stato denunciato anche per inosservanza del foglio di via obbligatorio già emesso dalle Autorità giudiziarie.

"La verità è che non se ne sono mai andati - sbotta un residente del quartiere -, qui lo spaccio è a cielo aperto, basta fare due passi nel parco per rendersene conto..."

Secondo il nostro informatore, ciò che renderebbe ‘particolare’ la situazione del Florida è il fatto che il ‘traffico’ non si ferma neanche al mattino, con un costante via vai di ragazzi e pusher. “Da tempo chiediamo di potenziare i controlli – conclude l’uomo -, il parco è molto frequentato anche da bambini e pensionati, ed è triste che stia finendo di nuovo in mano a questa gente”.






Questo è un articolo pubblicato il 30-03-2016 alle 20:27 sul giornale del 31 marzo 2016 - 564 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, droga, pescara, spaccio, tossicodipendenti, spaccio di droga, vivere pescara, polizia pescara, articolo, parco florida

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/avlR