Processionaria, il Comune attiva task force e lancia appello ai cittadini: 'Mandate segnalazioni'

2' di lettura 07/03/2016 - Una task force attivata dal Comune di Pescara per far fronte all’invasione di processionaria, segnalata a più riprese nei giorni scorsi nei parchi e nelle aree verdi cittadine. (nella foto, l'assessore Laura Di Pietro e il consigliere comunale Alfredo Cremonese durante un sopralluogo al Parco D'Avalos)

E’ questa la risposta di Palazzo di Città di fronte ad una situazione che sta destando non poche preoccupazioni tra i pescaresi. La presenza del lepidottero, quest’anno particolarmente diffusa a causa delle alte temperature stagionali, si è manifestata anche nei giardini delle scuole, creando allarme tra i genitori degli alunni. La notizia del coinvolgimento di due alunni della scuola primaria di via Cavour, pubblicata ieri su Vivere Pescara, ha fatto scattare la procedura d’intervento prevista in questi casi.

"La processionaria è un parassita infestante - spiega l’assessore al Verde pubblico Laura Di Pietro -, che può mettere a rischio non solo la salute dell'albero, ma soprattutto quella umana, a causa dei peli urticanti che presenta allo stato larvale. In questi ultimi giorni abbiamo ricevuto alcune segnalazioni e ci siamo subito attivati per far fronte all'emergenza”.

“In via Ruggero Settimo – prosegue - stiamo già intervenendo con la rimozione meccanica del bozzo, ovvero seguendo le procedure disposte dal decreto ministeriale di lotta obbligatoria all'insetto. Stamattina, insieme al consigliere Alfredo Cremonese, al quale si sono rivolte delle mamme preoccupate, abbiamo effettuato un ulteriore sopralluogo presso il parco D'Avalos. Gli uffici tecnici sono stati tutti allertati e stiamo intervenendo laddove sono stati identificati i nidi”.

Come spiegato dall’assessore, non è possibile intervenire direttamente sugli insetti, in quanto l’azione risulterebbe inefficace, ma è necessario determinare la presenza dei bozzoli e agire su di essi attraverso trattamenti specifici. Com’è noto, la legge Italiana impone la lotta obbligatoria all’insetto, e chiunque avvista i nidi della processionaria è tenuto a sporgere denuncia ai vigili urbani e ai vigili del fuoco per la rimozione. Al Comune spetta invece il compito di bonificare le aree interessate.

“Le forze sono state schierate – rassicura la Di Pietro -, ma la notizia di due bambini ricoverati dopo essere venuti in contatto con il temibile insetto ci ha fatto optare per l'attivazione di una vera e propria task force, anche perché l'emergenza coinvolge diversi fronti e competenze. Domani alle 12 si svolgerà una riunione con il servizio Ambiente, Pubblica Istruzione, Parchi e Protezione Civile per stabilire un'unica procedura. Nel frattempo, chiediamo ai cittadini di segnalare criticità al numero 085-4283462 o all'indirizzo ass.dipietro@comune.pescara.it”.






Questo è un articolo pubblicato il 07-03-2016 alle 14:09 sul giornale del 08 marzo 2016 - 2404 letture

In questo articolo si parla di cronaca, animali, bambini, politica, salute, pescara, cani, counseling, aspic, processionaria, insetti, Aspic Pescara, Comune di Pescara, vivere pescara, spazioPiù, counselor, counseling professionale, coaching, coaching pescara, articolo, alfredo cremonese, laura di pietro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auxQ