Istituto alberghiero, la rabbia dei genitori: ‘Politici inerti, i nostri ragazzi soffrono’

2' di lettura 25/11/2015 - ‘A nome di tutti i genitori e delle famiglie dei 1.800 studenti dell’Istituto Alberghiero Ipssar ‘De Cecco’, esprimiamo il profondo disagio nel quale oggi vivono e studiano i nostri ragazzi, lo stesso disagio condiviso dalla dirigente, dai docenti e dagli operatori scolastici che lavorano in condizioni di grosse difficoltà logistiche e strutturali’.

E’ durissimo il commento dei rappresentanti dei genitori presso il Consiglio d’Istituto dell'Alberghiero ‘De Cecco’ (foto), subito dopo l’incontro con il presidente della Provincia Antonio Di Marco. L’incontro, che si è tenuto nel cortile della scuola alla presenza dei ragazzi e della dirigente Alessandra Di Pietro, a quanto pare non ha sortito gli effetti desiderati.

“Da mesi le Istituzioni continuano a promettere l’avvio dei lavori necessari per garantire le condizioni minime di vivibilità nell’Istituto – spiegano i genitori -, ma alle promesse continuano a non seguire i fatti, e anche l’incontro odierno non ha portato alcun risultato concreto, se non l’ennesima ‘promessa’. Ora attenderemo le prossime scadenze fornite oggi, ovvero l’annunciato inizio, per i primi di dicembre, dei lavori nella ex palestra, per poi decidere le prossime iniziative da attuare a difesa del diritto allo studio degli alunni dell’Alberghiero”.

“La riunione di oggi ha lasciato l’amaro in bocca ai ragazzi, ai dirigenti e anche alle famiglie che si aspettavano risposte concrete dal presidente Di Marco – sottolineano i rappresentanti -, conosciamo le difficoltà in cui versa la Provincia, ma ci chiediamo se il presidente conosca le difficoltà sopportate con pazienza dagli studenti, che oggi fanno salti mortali pur di portare avanti il proprio percorso di formazione didattica e professionale. Nonostante le promesse di ottobre, sino a oggi, gli studenti non possono usufruire dei laboratori, non possono lavorare, ma soprattutto non abbiamo alcuna prospettiva circa la riconsegna di quegli spazi, visto che i lavori non sono mai cominciati”.

Buio pesto anche sulla annunciata riconsegna, entro il 7 gennaio, dei laboratori di via Tirino dove, sempre secondo i rappresentanti, “ad oggi non c’è neanche il cantiere”. Rinnovando la piena fiducia nel dirigente scolastico, i genitori assicurano che continueranno a monitorare in maniera serrata il rispetto delle scadenze, “pronti ad attuare tutte le iniziative per tutelare l’Istituto e i nostri giovani”.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 25-11-2015 alle 15:43 sul giornale del 26 novembre 2015 - 860 letture

In questo articolo si parla di scuola, cultura, attualità, politica, studenti, pescara, provincia di pescara, vivere pescara, marco verri, istituto alberghiero de cecco, articolo, antonio di marco

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqS1