Giovane di Pescara trovato morto in Uruguay, è suicidio? Il commovente saluto del padre

1' di lettura 23/11/2015 - Le tracce di Mario Di Loreto (nella foto, con il padre Valter Renato), 31enne di Pescara, si erano perse lo scorso 28 ottobre in Spagna, e precisamente a Madrid. Tre settimane dopo, la svolta: il giovane è stato trovato morto in un hotel di Montevideo, a migliaia di km di distanza.

Il ritrovamento, avvenuto due giorni fa, non basta a chiarire i contorni di una vicenda di cui, su richiesta della famiglia, si era occupata anche la trasmissione di Rai 3 Chi l’ha Visto?.

Stando alle prime informazioni, il giovane si sarebbe suicidato nella sua stanza d'albergo utilizzando un coltello. Resta da chiarire quando e perché Di Loreto sia finito a Montevideo, e soprattutto i motivi che lo avrebbero portato a compiere il tragico gesto. Il cadavere è stato rinvenuto dalla polizia uruguaiana sollecitata dall’Interpol.

Il primo a dare notizia della scomparsa del 31enne era stato il padre attraverso il suo profilo Facebook. E dalla stessa pagina nelle scorse ore è arrivata la conferma: “Questa mattina – scrive il papà di Mario - è il mio giorno di compleanno, ma per me sarà un giorno molto triste: andrò in Uruguay per riprendere la salma di mio figlio, trovato morto in una stanza d'albergo. Dio dammi le forze per affrontare questa situazione così dura”.

Mario Di Loreto da anni lavorava come pizzaiolo, e dopo una lunga esperienza in Olanda aveva deciso di trasferirsi in Spagna per raggiungere alcuni familiari. Quindi, l’improvvisa decisione di partire per il Sud America e la scomparsa.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 23-11-2015 alle 10:08 sul giornale del 24 novembre 2015 - 532 letture

In questo articolo si parla di cronaca, suicidio, pescara, spagna, madrid, rai 3, uruguay, chi l'ha visto?, vivere pescara, marco verri, articolo, mario di loreto, montevideo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqLH